Cosa fare in due giorni ad Amsterdam: se fossi la Fabiana, giorno uno

Mi scrive Fabiana sulla pagina Facebook (QUI): “Ciao Marco, cosa potrei visitare ad Amsterdam avendo poco tempo a disposizione?” In realtà mi ha scritto la Bibbia, ma io vi ho fatto un riassunto. ‘A Fabià, io non faccio nulla a meno che non sia noioso o da anziani, però ci posso provare a darti un consiglio. Metti che hai due giorni per visitare la città…Uno lo fai da turista, l’altro lo fai da Jessica Fletcher. No gioia, non presentandoti da qualche parte e facendo morire qualcuno…Te prego! Ti spiego la prossima volta cosa farebbe la Jessica Flatcher ad Amsterdam, ora facciamo finta che sei, che ne so, Fabià ‘a turist’.


Fabià, senti me: arrivi a Schipol…No, non a Eindhoven che poi ci metti ancora un paio di ore con il treno, a Schipol devi venire che hai la stazione dei treni lì attaccata e in 15 minuti sei ad Amsterdam. In macchina no, te l’ho già spiegato QUI il perchè…Hai la cartina della metro e dei tram? No? Ecco, si vede che non sei in vacanza con me…Allora fai così, vai al VVV, l’ufficio turistico, appena fuori dalla stazione e fai manbassa di mappe della città, carte, cartine e se ti va fai pure la Iamsterdam card, che per 48 ore ti costa un cinquanta pippi. Valuta tu, se intendi utilizzare i mezzi di trasporto tutto il tempo magari ti conviene, visto che un biglietto per il tram costa 2,70 euro e dura un’ora. Fatto tutto? Bon, adesso vai in albergo e lascia lì le valige. No, non ci vai adesso nel quartiere a luci rosse, ci si va di sera, che le luci di giorno non si vedono e non fanno sembrare le papere uscite da Shining.

Ti fai un giro in piazza Dam, dai una sbirciata alle vetrine del Bijenkorf e basta che tanto lì è tutto troppo caro, ti fermi un attimo a guardare i performers in piazza mentre ti mangi l’hot dog con tutte le schifezze che compri nei carrettini lì vicino. Se c’è qualcosa di interessante in Nieuwe Kerk magari facci un giro. Adesso prendi per Kalverstraat dalla parte che da verso Muntplein. Ti visiti i negozi, fai un giretto, magari entri da De Slegte, così, giusto perchè è famoso.  Verso la fine della via fai una capatina anche al Begijnhof che è a due passi, è tanto caruccio. Hai fame? Fa niente, maggni dopo…

LEGGI ANCHE: La Chiesa che controlla il tenpo di Amsterdam (Seconda parte)

Adesso sei arrivata alla torre di Muntplein, ci sono proprio lì sotto due negozi che vendono le ceramiche di Delft. Bruttine vero? Alla Fletcher piacerebbero ma tu oggi sei Fabià ‘a turistPrendi la via dei fiori, ti compri dei blulbi di tulipano da regalare a mammat’, sbirci nel negozio di formaggi con la tipa vestita da olandese da stereotipo e fai un giretto anche nel negozio che vende tutto l’anno articoli natalizi. Hai comprato una casetta olandese con le lucine? Brava, applausi, clapclap.

Mò vai anche a vedere la via dei ghei che è lì attaccata, Regulierstraat. È giorno, non ci sono i ghei, è inutile che li cerchi, quelli si riproducono col buio. Sì gioia, è tutto qui che ti aspettavi? No, i localacci sono da un’altra parte, li vai a vedere stasera quelli. Fatto? Bon, adesso torni indietro e prendi per Leidsestraat, così arrivi a Leidseplein. Sì, adesso puoi mangiare, ci sono tanti locali qui, scegli la cucina che vuoi…

Adesso? Cara, crocerina sul canale! Facciamo finta che fa bel tempo, altrimenti te ne vai in un museo a caso. Tieni conto che se hai fatto la Iamsterdam card il Rijksmuseum non è incluso. Ma hai sempre tutti quelli elencati in questa lista QUI. È pomeriggio e c’è ancora il sole? Si va al parco! Hai noleggiato la bici? Mac Bike e StarBikes sono popolari, sempre meglio se prenoti le bici prima però. Qui c’è Vondelpark, ti fai un giretto, ti sparapaggni sul prato e poi vai a berti un tè alla menta al barettino-pagoda al centro del parco, sporchino ma tanto bellino. Hai ancora la bici o te la sei fatta rubare?

Ti interessa visitare l’Heineken Experience? No? Facciamo così, il tuo maschio va a visitare il regno da ‘a bbbira, noi ci visitiamo De Pijp e andiamo al mercato di Albert Cuypstraat. Ci prendiamo la spremutina fresca, ti faccio provare l’aringa cruda e appena hai finito di tirare su l’anima andiamo da Ijscuypje a mangiare il gelato. Miii, già sera si fece?  Da Febo andiamo a mangiare! Ti provi la crocchetta di carne grassa  e l’hamburger schifìo, una volta nella vita lo devi fare! È la lavanderia self-service del cibo spazzatura! Altro che canne, Febo è il vero sballo! Le cannette te le fai? io non so dove si comincia…Qui però c’è il Katsu che dicono che è bello come cofee shop ma io non ti so dire se è vero o meno.

Adesso si vanno a vedere le cosacce! Te pedala che io prendo il tram, ci vediamo a Warmoesstraat. Però, ci hai la gamba allenata, veloce sei! Voilà, il fin anche troppo famoso quartiere a luci rosse. Belle le case vero? A me piace di sera perchè fa le luci al neon si riflettono sull’acqua, sulle papere e sulle case rinascimentali. Non sgridare il tuo ragazzo, che ti aspettavi, di trovar le suore? Son professioniste queste qui! Sì, ci sono per tutti i gusti…No gioia, quella non è una donna, o meglio…Lascia stare…Anche le ciccione sì…E le vecchie…No, la Fletcher no, quella domani. Ma no, non in vetrina! Lo so che sei confusa, è il cibo di Febo, provoca allucinazioni se non sei abituata. Senti, sono le 11 di sera, se non sono a casa fra mezz’ora mi trasformo in princicessa.

Tu se vuoi vai in Rembrandtplein che c’è vita cioffane. Dicoteche? Bho, vai al Paradiso che dicono tutti che è una ficata. O al Trouw. Ci sentiam domani mattina che facciam le cose da anziane, come piace a me ok? Il tuo moroso? Eh se non vuole fare la vecchia lascialo qui tra i mignottoni che tranquilla che si distrae…No? Eh, allora verrà con noi, gli tocca…

Che cosa mi sono dimenticato di far vedere a Fabiana ‘a turist? Lasciaci un commento qui sotto, oppure sulla nostra pagina facebook QUI

8 thoughts on “Cosa fare in due giorni ad Amsterdam: se fossi la Fabiana, giorno uno

  1. Fabiana il said:

    Tu sei un amabile pazzo! :)

    E adesso mi sento pure famosa a fare la comparsa su ‘Amsterdam secondo me’, c’ ho i tremori alle gambe e i fremiti compulsivi. E vogliamo parla’ della Bibbia scritta da un’ atea poi? è UN MUST! Dovrebbero leggerla tutti, altroché… ;)
    Ma il maritino non lo lascio con le allegre signore, tanto più quando trasuda Haineken da tutti i pori!

    Adesso devo da scappa’, però torno a rileggere e commentare :)

    Ossequi

    Fabià ‘a turist

  2. Olandesina76 il said:

    Bah :-) a me par che non hai dimenticato quasi niente caro Mas! Forse forse volendo…l’acquisto del cappellino di lana con scritto Amsterdam,ma del resto è quasi estate o lo zoccolo peloso ma è sempre troppo caldo ormai ahah
    Io aggiungo solo una cosa che,nonostante ormai sia una veterana delle terre nederlandesi,faccio semprissimamente…ed è…tadannn…
    DARE DA MANGIARE ALLE PAPERE! ^_^
    p.s Aspetto fremente la giornata da Vecchia Signora del Crimine!

    • marco amico di sara il said:

      Portati la borsetta da passeggio che lunedì ti spiego cosa fare da anziana ad Amsterdam! Non che tu lo sia, ma lo sono io…Dentro!

  3. Pingback: Attività culturali e proposte ad Amsterdam per il periodo di Pasqua | Vivere Amsterdam

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>