Cose che non mi ci abituo: vermiste mensen met open gulp

Un mio guilty pleasure é “Chi l’ha visto”.

Quando ho voglia di musiche alla Hitchcock, drammi e mistero, paranoie, responsabili suggeritissimi da aggettivi colpevolizzanti, la meraviglia e l’ansia del conoscere il numero esorbitante di persone che scompaiono in Italia, so a chi affidarmi.

vermist

Non voglio fare un’analisi sulla trasmissione in sé, visto che con Amsterdam poco c’entra, però sappiate nei Paesi Bassi c’è Vermist, una trasmissione con lo stesso scopo e che ha pure fatto delle collaborazioni con la nostra nostrana (perché agli olandesi l’Italia piace talmente tanto che a volte ci scompaiono dentro).

Pensate solo che, di media, all’anno, solo ad Amsterdam scompaiono 40 persone…Che vengono poi ripescate nei canali con la patta abbassata.

LEGGI ANCHE: Cose che non mi ci abituo: de overval tv

La Venezia del Nord non ha paratoie o protezioni sui margini dei canali e capita che chi stia bello pieno di alcol, gli venga la voglia irresistibile di fare la piscia in acqua, un richiamo atavico soprattutto per il maschio medio ( perché, care signore, noi la piscia nella doccia la facciamo, sapetelo).

Metti una serata di ventoni come quelle ultime di questi giorni, o un giramento di testa, oppure un gruppo di burloni che passano lí vicino…Il volare nei canali col pirillo di fuori è un attimo.

piscia

Poi muori.

Nel senso che, la maggior parte di questi scomparsi li ripescano dai canali qualche giorno dopo.

Le telecamere della cittá, cani addestrati, sensori acquatici portano spesso gli investigatori a bordo acqua.

LEGGI ANCHE: Cose che non mi ci abituo: i Krul, che poi col cavolo che ti stringo la mano!

Morale della nera novella: se vi scappa la piscia ad Amsterdam che state mbriachi come le mmmerde o strafatti o in una magica combo di entrambi…Cercatevi gli urinatoi pubblici che si trovano in diverse zone della cittá, soprattutto turistiche, o piuttosto fatela tra i cespugli o contro un muro.

Amstel

Altrimenti potremmo vedervi in “Vermist “ e nessuno vuole apparire in quel programma o “Chi l’ha visto? “.

O essere trovato cadavere nell’Amstel con la ciolla di fuori.

Puoi lasciare un commento qui sotto, oppure sulla Pagina Facebook (QUI), a cui puoi iscriverti cliccando “Mi Piace”!

Precedente Je suis Charlie. Je suis Musulmain. La risposta di Amsterdam e di Martina Successivo Knuffoliamoci: 5 posti ad Amsterdam che voglio vedere nel 2015

3 thoughts on “Cose che non mi ci abituo: vermiste mensen met open gulp

Lascia un commento


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>