Cercare una camera o un appartamento a Berlino (2)

Condividi

In queste settimane mi stanno contattando tante persone per avere consigli su come trovare un alloggio quest’estate qui a Berlino. Vale la pena quindi ritornare sull’argomento. Ne avevo infatti già parlato qui (Cercare una camera o un appartamento a Berlino con wg-gesucht) , integro quanto scritto allora con qualche altra considerazione e suggerimento.

Trovare un alloggio qui a Berlino sta diventando sempre più difficile e caro (come dimostra anche questa particolare forma di protesta). Ancora non siamo logicamente ai livelli di Roma e di altre capitali europeo, dormire qui è ancora piuttosto conveniente, ma il trend è senza dubbio negativo se la prospettiva è quella delle spese.

Come detto, il metodo migliore per trovare annunci per camere e appartamenti è il sito

http://www.wg-gesucht.de/

Altri annunci si possono trovare su

www.craiglist.de

www.easywg.de

www.zwischenmiete.de

www.exberliner.com (sia sito che cartaceo, è un mensile)

e anche su

http://www.immobilienscout24.de/de/finden/wohnen/lp/regional3.jsp?ftc=5901&_s_cclid=1308033818

 , dove però si trovano spesso annunci più cari e operano anche parecchie agenzie che si prendono una percentuale.

Vi consiglio poi di postare la vostra ricerca (e anche guardare le offerte conseguenti) sulla pagina facebook di Case in condivisione a Berlino: https://www.facebook.com/home.php#!/group.php?gid=119191488105936

E potete provare anche con la pagina facebook di questo blog, Berlino Cacio e Pepe:

https://www.facebook.com/home.php#!/pages/Berlino-Cacio-e-Pepe/149707361740988

Se cercate una sistemazione in appartamento, soprattutto se a tempo indeterminato, probabilmente la soluzione migliore è quella di passare per le agenzie. Ce ne sono uffici in ogni quartiere, passate e chiedete cosa hanno e quando organizzano tour per appartamenti (si stratta di tour tra vari appartamenti assieme ad altre persone che sono in cerca. Bisogna portarsi tutta la documentazione con sé per prendere in caso un appartamento visto che se vi piace qualcosa, dovrete essere anche i più veloci a prenderlo)

Per chi viene qui a Berlino solo alcune settimane d’estate, vale la pena concentrarsi soprattutto sugli annunci di wg-gesucht e, in particolare, cercare di vedere quelle camere che si liberano solo per un determinato periodo di tempo (ho già spiegato tutto nel primo link del post, cliccateci se non la’vete già fatto) . Si chiamano Zwischen-Miete, e si tratta di quelle sistemazioni che i normali locatari lasciano libere perché partono in viaggio per qualche settimana, a volte anche mesi.

Sono camere o appartamenti già ammobiliati, e se il periodo in cui li si vuole affittare coincide con il periodo in cui voi volete stare a Berlino, può essere la migliore delle soluzioni possibili. Non solo trattate direttamente con il normale inquilino della camera, ma poiché il periodo in cui la camera-appartemento è libero può avere date di inizio e di fine non canoniche (ad esempio dal 19 giugno al 27 luglio), ci saranno meno persone interessate. La concorrenza infatti è il primo degli ostacoli per la ricerca di un posto qui a Berlino.

Se si parla di appartamenti, il secondo grande problema è quello delle garanzie economiche. A meno che non si tratti, come detto, di uno Zwischen Miete, quando cercate un appartamento a tempo indeterminato, si passa quasi sempre le agenzie. E poiché loro “fanno le cose per bene”, vogliono vedere il vostro conto in banca, sapere le vostre entrate fisse (nel caso di studenti, vedere le dichiarazioni dei redditi e i conti correnti dei vostri genitori) ed inoltre, spesso, avere il nome di un tedesco che garantisca per voi. Non capita sempre, ma spesso. E la cosa brutta è che spesso si trovano pregiudizi piuttosto pesanti sugli italiani, quindi a parità di garanzie ed affidabilità, comunque si preferisce un tedesco. Pare che in passato (e forse anche oggigiorno, non so), ci siano stati italiani che non hanno pagato l’affitto per mesi e poi sono scappati in Italia rivelandosi, per l’agenzia, più costosi da rintracciare e perseguire, che da lasciare in pace facendo buon viso alle mancate entrate dell’affitto. Può darsi che sia vero, può darsi che sia solo una leggenda metropolitana, ma è vero che il pregiudizio spesso c’è ed è per questo che è importante parlare almeno un po’ di tedesco, per suggerire l’idea di essere affidabili e di volere rimanere a lungo in Germania.

Cercare casa dall’Italia, attraverso mail e telefonate, è difficile/difficilissimo. Spesso ci si riesce ad accaparrare solamente appartamenti o camere piuttosto cari per la media di Berlino o con qualche brutto difetto che si scopre solo all’arrivo (e per difetto intendo anche possibili coinquilini psicopatici…succede anche questo). Ciò non toglie che vale la pena provare, anche perché pensare di stare in ostello mentre si cerca casa può rivelarsi caro ed infruttuoso. Ho conosciuto persone cercare anche per due mesi o cambiare alloggio una volta a settimana visto che l’unica cosa che si trovavano erano Zwinchen Miete di brevissimi periodi.

A prescindere dal se si cerca stando già a Berlino o dall’Italia, è veramente importante che l’email di presentazione si scriva in tedesco. Poi magari nell’email scrivete pure che vi ha aiutato un amica/o a scriverla, che state imparando il tedesco solamente ora e venire a Berlino proprio per questo, ma SCRIVETE IN TEDESCO. Qui parlano tutti inglese, in molti parlano anche l’italiano (lo trovate scritto negli annunci) e l’essere stranieri, in alcuni casi, può essere anche un punto in più visto che può rivelarsi un possibile arricchimento per gli altri coinquilini (nel caso di parla di appartamenti condivisi), anche loro pronti a mettere alla prova la propria conoscenza di una lingua straniera. Ciò non toglie che scrivere in tedesco, bene, aumenta le possibilità di risposta, rispetto allo scrivere le stesse cose in inglese Se siete disoccupati e cercate un lavoro qualsiasi e non qualificato,  meglio non scriverlo, passate oltre e dite qualcosa che ci giri intorno , senza però dire grosse stupidaggini (meglio però contenersi, alla fine se verrete scelti i nodi verranno al pettine). Chi lavora con la creatività e le ragazze hanno normalmente probabilità più alte di essere scelti. Scrivete un messaggio carino in cui vi descrivete, qualcosa che faccia venire voglia a chi vi legge di conoscervi, di pensare che potreste avere degli interessi in comune e con cui sarà bello fare ogni tanto quattro chiacchiere.

I prezzi di una camera cambiano molto a seconda della zona. Ormai penso che nelle zone più ambite, Prenzlauerberg, Mitte, Kreuzberg, Friedrichshain e la parte nord di Neukölln i prezzi per una camera vadano dagli 280 euro ai 420 tutto compreso, a seconda dell’ampiezza della camera (si trova da un minimo di 11 metri quadrati ai 28mq). Un buon prezzo (che un tempo sarebbe stato caro), è di 300 euro per venti metri quadrati, ma, come detto, i prezzi sono in costante crescita, quindi è difficile dirlo. Se si prende in considerazione Wedding o la parte sud di Neukölln si possono ancora trovare ottimi affari, mentre nei più borghesi Schoeneberg, Charlottemburg e Tiergarten dipende davvero dal kiez: può essere molto caro, così come piuttosto economico. Sempre piuttosto economiche, escludendo Stegliz, sono quasi tutte le altre zone intorno al Ring.

Spero che questa sorta di guida sia completa. Se avete domande, scrivetele nei commenti così come se volete correggere alcune mie considerazioni raccontando la vostra (diversa) esperienza. Siamo sempre più noi italiani qui a Berlino e per quanto, è impossibile negarlo, spesso ci si dispiaccia un poco per questo continuo flusso di connazionali che arrivano qui, facendo della comunità italiana la terza straniera, per quantità, dopo Turchi e Polacchi, vale la pena rivoltare la prospettiva e prenderne almeno gli aspetti positivi, ovvero il darci la mano l’un altro e fare sì che anche il meno preparato di noi, possa farci fare bella figura (mi basta che non ne faccia una brutta) quando si relaziona con gli altri berlinesi.  Perché alla fine, come popolo, ci rimettiamo tutti.

La frase del post

Ogni casa ha il suo odore inconfondibile. Qualcosa che ti eccita e ti spaventa. Come quando torni a casa dalle vacanze e rimani sul ballatoio, con la porta aperta e le valigie a terra. Indeciso se profanare quella strana penombra.

 Alfredo Accatino

 

Per rimanere aggiornati su Berlino Cacio e Pepe, potete cliccare “mi piace” qui, ovvero sulla pagina facebook uffiiciale di Berlino Cacio e pepe (più in basso invece trovate quella di Zingarate)

9 thoughts on “Cercare una camera o un appartamento a Berlino (2)

  1. ciao..leggendo questo articolo ti volevo spiegare la mia iniziativa…ho 27 anni e sono idraulico da 10 anni..non sono disoccupato..anzi..solo che ho il pallino in testa di fare un esperienza all’estero..magari nel mio settore..e ho in previsione un anno di corso di lingua tedesca qui in italia per poi andare a fare l’idraulico a berlino o amburgo x 9/10 mesi perchè essendo appassionato nel settore mi affascina il loro livello a riguardo…poi nel caso andasse tutto per il meglio ripetere ogni anno l’esperienza..finchè tutto me lo permette ovviamente…la mia domanda piu che altro è..come sono messi a berlino nel settore idraulico o dell’artigianato in generale..si trova piu facilmente lavoro essendo un lavoro di sacrificio??servono particolari requisiti o basta la mia esperienza?grazie!

  2. cecilia il said:

    Ciao, posso chiederti cosa intendi con ‘tutta la documentazione’ da portare quando si visita un appartamento? voglio essere sicura di partire senza dimenticarmi nulla :)
    grazie
    cecilia

  3. Ciao,
    una domanda – ma e normale che ti chiedono di mandare via mail la copia della tua carta d’identita? perche a noi hanno gia chiesto 3 persone di farlo e se non lo fai, non ti rispondono piu alle mail. Ma a noi sembra un po pericoloso mandare dati sensibili via mail alla gente sconosciuta…insomma…aiuto!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>