Crea sito

Casertavecchia

casertavecchi_1Il borgo di Casertavecchia sorge alle pendici dei Monti Tifatini a circa 400 metri di altitudine. L’origine del borgo è da far risalire al VII secolo, allorchè il borgo di Casa Hirta apparteneva, come riporta lo storico longobardo Erchemperto, ai Longobardi del Principato di Capua e poi successivamente, nell’ 879 a Pandulfo di Capua che ne fu il primo conte.
Il borgo si incrementò con le incursioni dei Saraceni del VIII e IX secolo, che portavano gli abitanti della pianura a rifugiarsi sulle montagne vicine.
Nel 1062 inizio il periodo della dominazione normanna con Riccardo I, conte di Aversa. In questo periodo cominciano a sorgere la Cattedrale e di altri importanti edifici pubblici. La città conobbe il suo momento di maggior splendore, sotto la dominazione sveva, con il conte Riccardo di Lauro (1232-1266), del casato dei Sanseverino, valido consigliere e fiduciario di Federico II.

Con la dominazione aragonese (1442) inizia la parabola discendente del borgo di Casertavecchia, e già il conte Giulio Acquaviva, principe di Caserta, trasferisce la sua residenza nella pianura sottostante.
L’avvento dei Borbone, con la costruzione della Reggia, segna il definitivo abbandono del borgo di Casertavecchia.
Oggi, Casertavecchia è un villaggio agricolo e turistico, conserva, però, integra la suggestione e l’atmosfera rarefatta di un lembo di Medioevo, miracolosamente conservatosi inalterato attraverso un lungo corso di secoli.

Da vedere:

  • L’antico palazzo vescovile e la sede del seminario. Edifici medievali o tardo medievali.
  • La cattedrale. E’ uno dei monumenti più significativi dell’architettura medioevale nell’Italia Meridionale. Dedicata a San Michele Arcangelo dal 1153, la sua costruzione fu iniziata da Rainulfo (1113) sui resti di una precedente chiesa longobarda. L’edificio, in stile romanico, presenta influssi longobardi, bizantini, arabi e pugliesi. Custodisce all’interno importanti opere d’arte.
  • Il Campanile (Mole del Tiburio). Rappresenta uno dei più elevati esempi di tutta l’architettura romanica campana.
  • La chiesa dell’Annunziata. Graziosa costruzione gotica trecentesca.
  • Il castello. La sua costruzione inizio ad opera di Riccardo I Conte di Aversa sotto la dominazione normanna (1064). Oggi sono ancora visibili, delle sei torri originarie, alcuni ruderi e il mastio federiciano. Rappresenta una delle fortificazioni medievali di maggior importanza tanto da avere influenzato tutta l’architettura militare di quei secoli.

SOGGIORNARE A CASERTA O A CASERTAVECCHIA: Vi sono molte possiblità per dormire a Caserta o a Casertavecchia (a pochi km dalla Stazione dei Treni)… Prova a cercare dove dormire a Caserta
Dove dormire a Casertavecchia

Pubblicato da borghicastelli

Giulio D. Broccoli