Criminalità in Brasile

Seppur con importanti differenze territoriali, i dati sul’aumento della criminalità in Brasile sono allarmanti.

Si pensi che nei primi 25 giorni di luglio nel solo stato del Cearà, quasi 9 milioni di abitanti, ci sono stati almeno 383 omicidi. Questo dato, inoltre, non considera chi è morto in ospedale per le conseguenze del tentato omicidio. L’aumento rispetto all’anno passato è di circa il 50%.

Per avere un termine di confronto, in Italia, paese da 60 milioni di abitanti, gli omicidi in un anno sono circa 500 (34 ogni 25 giorni.. con il tasso del Cearà  sarebbero stati 2553 in 25 giorni).

FONTE: Secretaria da Securanca Publica e Defesa Social – Diaro do Nordeste

La pacificazione tra fazioni è durata poco

La pacificazione tra fazioni di inizio anno è durata poco

Sabato scorso, in piena Praia de Iracema a Fortaleza, zona turistica e di ritrovo serale, anche di turisti, un ragazzo è stato freddato tra la folla con un colpo di pistola da un 18enne a lui sconosciuto, il quale ha probabilmente compiuto l’omicidio per entrare in una banda della zona.

Allarmanti anche le recenti rivolte in carcere, dovute al crescente scontro tra le più potenti organizzazioni criminali del paese (come il Comando Vermelho), autobus incendiati, rapine etc etc

In certi quartieri lo scontro tra fazioni ha addirittura costretto molte famiglie ad abbandonare le proprie abitazioni, proprio come in uno scenario di guerra..

 

Autobus in fiamme a Fortaleza

Criminalità in Brasile: Autobus in fiamme a Fortaleza

Il parlamento è troppo impegnato a gestire gli scandali legati alla corruzione, dove ormai non si salva nessuno, per pensare alla crescente criminalità. La democrazia tanto sperata, con la fine della dittatura militare, non è mai effettivamente arrivata. Come dice sempre mio cugino, “bisogna restaurare la monarchia”.. in effetti era il periodo migliore per questo paese!

Si pensi che due giorni fa, durante delle importantissime votazioni riguardo l’incriminazione del premier, un deputato, Wladimir Costa, è stato “beccato” a messaggiare con delle donnine chiedendo di mandargli una foto del posteriore.. non molto tempo fa un secondo deputato era stato immortalato mentre guardava dei video pornografici.

Wladimir-Costa-whatsapp-nude-camara-deputados

Wladimir Costa “mostra o bunda”

Comments are closed.