Le spettacolari foto di Ricardo Stuckert sugli indios Brasiliani

Il forografo brasiliano Ricardo Stuckert ha vinto un prestigioso premio internazionale, l’Oman 1st Internacional Photography Circuit (organizzato dall’ Internacional Federation of Photographic Art, Global Photographic Union (GPU) e dall’Internacional Association of Architectural Photographers (IAAP), con uno scatto che immortala un Índio Kaiapó immerso nel fiume Xingu, nel Mato Grosso.

Ricardo Stuckert: Índio Kaiapó immerso nel fiume Xingu
Ricardo Stuckert: Índio Kaiapó immerso nel fiume Xingu

Scelta tra quasi 2mila fotografie provenienti da 45 paesi, la foto è solo uno dei tanti scatti che il fotografo a dedicato agli indios brasiliani. Nello stesso concorso anche la foto, in bianco e nero, di una india di etnia Ashaninka ritratta su una tipica imbarcazione sul rio Amônia, nello stato dell’Acre.

Ricardo Stuckert: india di etnia Ashaninka
Ricardo Stuckert: india di etnia Ashaninka

Stuckert è noto per essere stato il fotografo ufficiale della presidenza Lula, oltre che per i suoi lavori del progetto “Indios Brasileiros”. Questo progetto dovrebbe terminare con la pubblicazione di un libro, il prossimo anno, interamente dedicato agli indios e alle loro precarie condizioni di vita.

India Yanomami del villaggio di Nazareth Yanomami
India Yanomami del villaggio di Nazareth Yanomami

In Brasile, prima della colonizzazione, gli indios erano stimati in 5 milioni: dopo essere scesi al minimo storico di 100mila unità, ad oggi sono quasi 900mila, divisi in circa 250 tribù. Le loro lingue, le tradizioni, la loro cultura e il loro territorio sono però sempre più a rischio.

Per ulteriori approfondimenti vi consiglio l’articolo di Laura, vecchia amica del blog Brasile Low Cost, su OUR LIFE IN BH.

Ricardo Stuckert
Ricardo Stuckert
Precedente ErotikaLand: Il primo parco divertimenti del sesso sorgerà a San Paolo Successivo Vola in 10 città del Brasile dopo le Olimpiadi e risparmia!

Comments are closed.