Don’t worry, be Barcelona!

DSC06138
Ph. Riccardo Esse

Don’t worry, be Barcelona! – Ho deciso di aspettare circa un mese dal mio ritorno prima di scrivere questo articolo. Ho deciso di aspettare perché se lo avessi scritto subito avrei rischiato di farmi trasportare troppo dalle emozioni. Però mi rendo conto che anche a distanza di un mese, le emozioni e i segni che questa città ha lasciato dentro di me sono fortissimi.
Prima di visitare Barcellona non avrei mai pensato di riuscire a trovare una città che mi facesse innamorare di lei come prima aveva fatto Berlino (di cui parlo qui), e invece, Barcellona ci è riuscita.

DSC06330
Ph. Riccardo Esse
Ph. Riccardo Esse
Ph. Riccardo Esse

Se dico Barcellona, la prima cosa che mi viene in mente è un’esplosione di colori. Proprio così. Passeggiando per la Rambla, per il Barrio Gotico, per la Barceloneta si ha la sensazione di essere al centro di un’esplosione di colori, odori e suoni. Ci si tuffa completamente nello spirito della città sentendosi davvero liberi. Questa è la cosa che mi manca di più di Barcellona: il senso di libertà e spensieratezza che si respira.

 

In questo articolo cercherò di guidarvi attraverso questi colori e questo senso di spensieratezza, parlandovi dei luoghi che ho visitato e che mi hanno fatto amare questa città magnifica.
SAGRADA FAMILIA

Ph. Riccardo Simonetti
Ph. Riccardo Esse

Si lo so, parlare della Sagrada Familia è un po’ banale ma non si può non farlo. Simbolo della città, è stata progettata da Gaudì (protagonista indiscusso dell’ architettura della città). I lavori iniziarono nel tardo ‘800 e si prevede che termineranno nel 2026. La Sagrada Familia è qualcosa che non vedrete in nessun’ altra parte del mondo. E’ imponente e l’occhio quasi non riesce a cogliere i tantissimi dettagli che la compongono. Se dall’esterno vi sembra bella, vi assicuro che l’interno non delude di certo le aspettative. All’interno della cattedrale potrete godere di quel gioco di colori che a Barcellona sembra essere quasi una costante. La sensazione che ho avuto entrando, è stata quella di entrare in un altro mondo dove i colori e le forme non sono quelle tradizionali.

Il biglietto costa 15 euro, non pochissimo ma entrare è un must. Tenete a mente che quasi tutti i monumenti a Barcellona sono abbastanza costosi.

 

 

Ph. Riccardo Esse
Ph. Riccardo Esse

 

CASA BATTLO

Il prossimo passo del nostro mini-tour ci porta in una dalle architetture più incredibili della

Ph. Jasmine Di Donato
Ph. Jasmine Di Donato

città. Ovviamente l’autore è ancora una volta Gaudì, che progettò questa casa per la famiglia Battlo, da cui la casa prende il nome. Casa Batllo vi stupirà perché ancora una volta, come per la Sagrada Familia, avrete la sensazione di entrare in un mondo non tradizionalista. Le forme e i colori della casa vi lasceranno senza parole. Il tuor (guidato, con tanto di cuffie e dispositivo video) vi guiderà dal primo piano fino al tetto della casa da dove potrete godere di una discreta visuale della città. I dettagli che scoprirete durante la visita della casa vi faranno capire la genialità di Gaudì e la sua capacità di essere un innovatore nel mondo dell’architettura. Ancora oggi, si ha la sensazione che casa Batllo sia una struttura quasi futuristica. Anche qui il prezzo per la visita è abbastanza alto (22 euro) però, come per la Sagrada Familia, ci si sente quasi obbligati a visitarla.

Ph. Riccardo Esse
Ph. Riccardo Esse

LA BOQUERIA

Ph. Riccardo Esse
Ph. Riccardo Esse

Altro step fondamentale di quello che mi piace chiamare il “color tour”, è la famosissima Boqueria. La Boqueria è uno dei mercati più antichi di Spagna (risale al XVII secolo) e con le sue quasi 300 bancarelle è anche il più grande.
Affollatissima dalla mattina la sera, la Boqueria è il luogo dove turisti e non, si fermato a rigenerarsi un po’, magari con una fresca macedonia (buonissime, dovete assolutamente provarle) o con i più tradizionali panini.

Ph. Riccardo Esse
Ph. Riccardo Esse

IL PARCO DEL MONTJUIC

Ph. Riccardo Simonetti
Ph. Riccardo Esse

Il Montjuïc è il promontorio che sovrasta l’intera città. Una volta raggiunta questa zona potrete godere di una vista mozzafiato della città. Nelle belle giornate di sole l’atmosfera è davvero indescrivibile. Potrete visitare il villaggio olimpico, il castello, la famosissima fontana magica (spettacolare di notte) e il Museu Nacional d’Art de Catalunya. Riscendendo dal museo verso Plaça d’Espanya potrete godervi una piacevolissima passeggiata tra giochi d’acqua e panorami incredibili.

Ph. Riccardo Simonetti
Ph. Riccardo Esse

PARC GÜELL

Ph. Riccardo Simonetti
Ph. Riccardo Esse

Altra tappa importantissima del “color tour” è il Parc Guell, ennesimo tributo dell’immenso Gaudì alla sua città.  Non semplicissimo da raggiungere con la metro (se non amate camminare vi consiglio il bus), è uno dei luoghi più incantevoli della città. Un enorme spazio verde a due passi dal caos della città, dove ci si può rilassare e divertire passando una giornata immersi nella pace più assoluta. Anche da qui potrete godere di una vista bellissima sulla città. Il parco è diviso in due , chiamiamoli settori: un enorme spazio verde dove poter passeggiare ad accesso libero, ed una parte per il quale bisogna pagare un piccola somma (7 euro) per entrare. Purtroppo, causa fila interminabile non sono riuscito ad entrare e me ne pento amaramente! Quindi vi consiglio di prenotare i biglietti online (se qualcuno di voi lo ha visitato aspetto commenti).

Ph. Riccado Esse
Ph. Riccado Esse

Ci sarebbe ancora tanto da dire ma penso di essere riuscito a dare una minima idea di quanto sia eccezionale questa città. Ora che l’estate è alle porte approfittatene per visitarla e non ve ne pentirete. Barcellona è una città che si fa amare e che ti regala la sensazione di essere davvero vivo. Passeggiare per la Rambla all’imbrunire con la mia ragazza, circondato da suoni, colori e odori intensissimi, mangiare la Paella, stendersi sulla spiaggia con un Mojito, fare serata nelle tantissime disco sulla Barceloneta mi ha regalato emozioni fortissime. C’è una leggenda che narra che chi beve dalla fontana situata sulla Rambla, tornerà di sicuro a Barcellona… Beh io dalla fontana non ho bevuto ma di certo a breve, molto a breve, tornerò. Barcellona aspettami…..
DON’T WORRY, BE BARCELONA!!

Per maggiori informazioni: http://www.visitarebarcellona.com/

 

Precedente Insieme è più bello! Successivo Cosa fare 3 giorni sull'isola di Malta - Love Malta