San Marino: 3 buoni motivi per visitarla

San Marino: 3 buoni motivi per visitala!

Che sarebbe stata una bellissima uscita lo si era capito già dal nostro arrivo: “parchimetro rotto – parcheggio gratuito”, però tornando a San Marino dopo quasi 15 anni (la prima volta avevo non più di 10 anni, quindi non ricordavo molto) non avrei mai creduto di rimanere così affascinato da un paese che già nella sua storia nasconde quanto di più affascinante ci possa essere.

In questo breve articolo proverò a darvi 3 buoni (o ottimi) motivi per convincervi a trascorrere una giornata a San Marino. Prima però credo sia utile darvi qualche dettaglio in più:

San Marino (in dialetto sammarinese: San Marèin o San Maroin), ufficialmente Serenissima Repubblica di San Marino, spesso abbreviato in Repubblica di San Marino, è uno Stato senza sbocco al mare dell’Europa meridionale situato nel centro-nord della penisola italiana, al confine tra le regioni italiane dell’Emilia-Romagna (provincia di Rimini) e delle Marche (provincia di Pesaro e Urbino).

Ha un’estensione territoriale di 61,19km² popolati da 33 191 abitanti.[7] È uno dei meno popolosi fra gli Stati membri del Consiglio d’Europa e delle Nazioni Unite. La capitale è Città di San Marino, la lingua ufficiale è l’italiano e gli abitanti sono chiamati sammarinesi.

A partire dal 2008 il centro storico della Città di San Marino e il monte Titano sono stati inseriti dall’UNESCO tra i patrimoni dell’umanità[8] in quanto “testimonianza della continuità di una repubblica libera fin dal XIII secolo”.[9]

Fonte: Wikipedia

Ed ora finalmente ecco 3 buoni motivi per visitare San Marino:

1. ROCCA GUAITA (PRIMA TORRE)

Grotta Guaita
Scorcio della Grotta Guaita

Al numero uno, non poteva non esserci la Rocca di Guaita (o Prima Torre), la più antica delle tre rocche che dominano la città. La rocca si può visitare e vi ci si arriva a piedi partendo dalla centro città. Inutile dirvi che essendo una rocca edificata in principio per proteggere l’intera città, si può godere di una vista mozzafiato sulla colline sottostanti e, nelle giornata di sole è anche possibile vedere l’Adriatico (come in foto).

2. PASSEGGIARE NEL CENTRO CITTA’

Centro San Marino
San Marino – centro storico

Un altro buon motivo per visitare la Città di San Marino è lo storico centro città. Il centro storico, infatti, è una vera è propria chicca per gli appassionati di borghi medievali. Tra le mura, che un tempo servinano a difendere la Repubblica dagli invasori esterni, si estende un reticolo di piccole vie tra le quali passeggiare (quando non ci sono troppi turisti) è davvero emozionante. Sembra quasi di tornare indietro nel tempo. Per chi invece è meno emozionale, c’è sempre la possibilità di darsi allo shopping tra i numerosi negozietti e boutique che affollano le vie del paese.
Inoltre, le varie piazze che incontrerete durante il tragitto, offrono un’ottima panoramica sulla vallata sottostante.

3. Basilica di San Marino 

Basilica di San Marino
Basilica di San Marino

Ultimo motivo, ma non ultimo, è la Basilica di San Marino, situata sempre nel centro storico della città alta.  La Basilica è dedicata al patrono dello Stato ed è diventata simbolo delle monete euro dello stesso. L’edificazione risale al 1838, e nello stesso anno fu innaugurata. Ovviamente è visitabile sia esternamente che internamente.

Diari di viaggio , , , , , , , , , ,

Informazioni su Riccardo Esse

Nato a Teramo il 7 Marzo 1993, sono cresciuto in un piccolo paese di provincia, Castelli, famoso per la produzione di ceramiche d'arte. Dopo aver conseguito il diploma ho deciso di cambiare rotta e tuffarmi nel mondo delle lingue che fin da piccolo mi ha sempre affascinato. Ho deciso così di iscrivermi all' Università degli studi di Chieti e Pescara G. D'Annunzio in mediazione culturale. Ho vissuto a Pescara per tre anni ed una volta conseguita la laurea, ho cambiato di nuovo città trasferendomi a Modena per continuare i miei studi. Curo una pagina Facebook, "Diario di bordo" nel quale parlo delle mia più grandi passioni: i viaggi.

Precedente Sperlonga Vs Capri: perché l’imperatore Tiberio preferiva Capri