10 motivi per visitare St. Stephen’s green a Dublino

Perché visitare St.Stephen’s Green?

St. Stephen’s green è indubbiamente il parco più famoso e frequentato di Dublino. Ovviamente è un parco, non è che vi dobbiate aspettare qualcosa di straordinario o magnifico, o fuori dal comune che non siano ettari di verde con fontane, piante e aiuole… ma è un parco che ha dalla sua quella di avere 10 motivi per doverlo visitare a tutti i costi: pensati da me. Perché?

Infatti sono certo che vi stiate già chiedendo quali ca…olo siano tali motivi, visto che si tratta di un semplice parco. Qui di seguito vi spiego le ragioni…Con ironia:  per leggere questo articolo ci vuole un po’ di sense of humour.

St. Stephen’s green: un modo per rilassarsi in estate

LEGGI ANCHE: HANAMI JAPANESE FESTIVAL AL PHOENIX PARK

1) E’ situato  in una posizione centralissima, comoda e raggiungibile facilmente se siete in centro e in quel momento vi passa per la testa l’idea di visitarlo

2) Potete facilmente raggiungere ogni punto del centro se vi trovate nello stesso parco…;) (Va be, dai adesso state calcolando che O’Connell street si trova a 15  minuti a piedi. Pignoli.^^)

3) Potete ammirare finalmente qualche albero di cui la maggior parte del centro città ne è priva (…a parte appunto i parchi): i famosi vialoni alberati cittadini, i Boulevard provvisti di “trees” di cui sono fornite le capitali europee e altre città del mondo, qui non esistono. O quasi.

Gazebo in St. Stephen’s green

4) Potete ammirare le aiuole coloratissime, (tanto da sembrare finte) le statue sparse per il parco (tra cui un busto di Joyce, come poteva mancare, eh?) e i piccoli stagni. E anche ascoltare musica che viene suonata durante alcuni festival organizzati per l’estate.

5) Potete ubriacarvi ascoltando la stessa musica di cui sopra durante i concerti e i festival in programma, senza che la Garda (polizia irlandese) vi infastidisca (all’aperto in Irlanda è vietato bere)

Cigni nel parco

6) Potete dare da mangiare agli scoiattoli (se siete abili da portarvi un sandwich e un cannocchiale da competizione per individuarli)

7) Potete ammirare una famiglia di cigni (attenzione al maschio adulto che è enorme e se vi becca…)

8 ) Potete arrivarci con la Luas che si trova proprio davanti al parco, (o prendere una bici dublin bikes se siete residenti e avete la tessera, ovviamente: ci sono ben due  stazioni a fianco del parco lungo due lati)

Panorama di uno degli stagni presenti nel parco

9) Finita la immersione nel verde del posto, potete immergervi all’opposto nell’adiacente St. Stephen green shopping centre a fare shopping. Insomma da un estremo all’altro, per la legge della compensazione ci può stare: Da una cosa naturale e piacevole, a una alienante e affollata…

10) Alla sera, dopo avere visitato il parco, potete fare un giro nella adiacente Hartcourt street dove si trovano i locali della nightlife più scatenata di Dublino: D2, Dicey’s, Coppeface Jacks, Odeon, Etc. State attenti a spiacevoli accalcamenti di folla, tuttavia..

LINK

St. Stephen’s green (Wikipedia)

Stephen’s Green shopping centre

Seguimi su Facebook alla mia pagina “Dublino Visionaria”.

Precedente 5 cibi irlandesi da provare a Dublino Successivo I colori di Dublino: quel fascino del rosso e del blu (1)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.