Il tributo a Pavarotti alla National Concert Hall

Eccomi tornato a parlare di Musica, quella con la M maiuscola.

Faccio una premessa: non sono mai stato un grande consumatore di opera lirica, anche se devo dire che è un genere che mi affascina. Però non è stata mai tra le mie prime scelte di ascolto. E invece…ho avuto il piacere di assistere per la prima volta in vita mia a una esibizione di opera lirica proprio qua a Dublino.

Ieri sera ho avuto un accredito per il concerto del tenore irlandese Finbar Wright, che cantava canzoni  in onore di Luciano Pavarotti (che lo hanno reso famoso proprio grazie alle sue intepretazioni: “Mamma”, “Funicolì Funicolà”, “Volare”, “O Sole mio”, etc.) infatti, l’evento tenutosi alla “National  Concert Hall, era un vero e proprio “Tribute” al tenore nostrano.  E ho scoperto che gli irlandesi lo ador(ano)avano letteralmente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’ingresso della National concert hall, ieri sera (foto Paolo Bergomi)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infatti, molti i presenti, tutti ovviamente di età non proprio giovane,  ma tutti amanti del Luciano. Il tenore irlandese ha fatto bene la sua parte. Ovviamente, non era facile come prova, visto il personaggio in questione. Ma pur non essendo esperto come detto sopra, Wright mi è parso un tenore che si è calato bene nel ruolo che doveva coprire. (E la pronuncia in italiano peraltro era anche ottima.)

Il tributo si intitolava “A night of passionate love songs celebration”. Durante il concerto di Wright, veniva proiettato un video sulla vita di Pavarotti e la sua carriera musicale. Molto piacevole ottima idea, per dare tempo al tenore di ricaricare la voce tra un pezzo e l’altro, e intrattenere il pubblico.

LEGGI ANCHE: ENNIO MORRICONE A DUBLINO

Piacevole anche la musica che accompagnava il tenore. Il pianista faceva le veci anche di direttore d’orchestra (archi, batteria, piano, due coriste e un chitarrista classico),

Il bilancio è stato molto positivo, per le ragioni dette sopra, mi sono proprio divertito. E penso che prima o poi tornerò ad assistere ad eventi del genere.
SITO UFFICIALE della National Concert  Hall.

Seguimi su Facebook alla mia pagina “Dublino Visionaria”.

Precedente Italiani a Dublino. 2: Marco, un farmacista a Bray Successivo Il problema degli affitti: 5 nuovi consigli per trovare alloggio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.