Cabine telefoniche di Londra: non aprite quella porta

"Red Public Phone Boxes - Covent Garden, London, England - July 10, 2012" by M0tty - Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons.
Red Public Phone Boxes – Covent Garden, London, England – July 10, 2012” by M0ttyOwn work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons.

Un po’ come il Big Ben e il London Eye, le fiammeggianti cabine del telefono sono un simbolo della Gran Bretagna e tra le attrazioni più fotografate di Londra.

Le tradizionali red telephone boxes sono in produzione dal 1926 e esistono in sedici diversi modelli, tutti abbastanza simili salvo i più recenti (che sono di plexiglass e molto brutti, quindi ve li risparmio).

Visto il costante declino delle cabine telefoniche a favore dei telefonini, un programma dello Stato permette di “adottare” una cabina telefonica in disuso nel proprio quartiere al prezzo di £1.00, lasciando poi ai residenti la responsabilità di mantenerla in tutto il suo splendore.

phone booth
phone booth

Sono una tale icona che, in un momento di massima demenza, le mie amiche e io ci siamo fatte delle foto finto-turistiche abbarbicandoci alla cabina telefonica. Con il senno di poi, mi sono pentita di essermi anche solo avvicinata ad una cabina telefonica. Mentre è innegabilmente bellissima, anche una cabina telefonica vintage è sostanzialmente, beh… una cabina telefonica.

Leggi anche: Un giorno a Londra: l’itinerario definitivo

Entrereste mai in una cabina telefonica in Italia? No, perché è risaputo che individui poco raccomandabili la usano come bordello / orinale / letto d’emergenza / angolino in cui drogarsi etc. Sono sporche, puzzano e generalmente NO.

Allora perché entrereste in una cabina telefonica inglese? Dover annusare quell’olezzo di pipì e toccare quella cornetta sudicia (e scollegata da anni) vale davvero quella foto per Instagram? Siete sicuri-sicuri? Secondo me no.

London red phone booth - Pawel Pacholec
London red phone booth – Pawel Pacholec

Precedente Tutto sulla Londra di Harry Potter Successivo Labirinti in metro: che cosa sono?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.