Labirinti in metro: che cosa sono?

Embankment-small-681x1024

Per più di un anno, ho notato che c’erano strani labirinti appesi ai muri della metropolitana. Prima mi sembrava fosse solo nella mia stazione abituale, poi li ho notati dappertutto in giro per la città. Siccome mi piacciono le teorie cospiratorie, mi sono immaginata che fossero dei misteriosi messaggi in codice per gli impiegati del Transport for London. Mappe degli estintori? Tunnel segreti pieni di demoni? Chissà.

Ci sono voluti secoli perché una mia amica mi rivelasse che quelli erano solo e soltanto labirinti, ed erano parte di un’opera d’arte creata dall’artista Mark Wallinger nel 2013. È la più grande commissione artistica della città ed è stata inaugurata in onore del 150° anniversario della metropolitana.

I labirinti, tutti in bianco e nero, sono ben 270 e sono presenti in quasi tutte le stazioni della città. La ragione per cui mi sembrava che apparissero un po’ alla volta è perché ci sono voluti due anni perché, mano a mano, tutti i labirinti venissero appesi alle pareti di tutte le stazioni.

Un minisito speciale sul sito di TfL ha una mappa della metropolitana con segnati tutti i labirinti: cliccando sulla stazione, si può vedere il labirinto originale e come sta nella sua cornice all’interno della stazione.

Da quando li ho scoperti, tento sempre di trovare i labirinti e, se ho tempo di farlo prima che arrivi il mio treno, cerco di risolverli. Non sono bellissimi?

"Mark Wallinger Labyrinth 108 - Brixton" by Jack Gordon - Own work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.
Mark Wallinger Labyrinth 108 – Brixton” by Jack GordonOwn work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.

 

"Mark Wallinger Labyrinth 157 - Roding Valley" by Jack Gordon - Own work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.
Mark Wallinger Labyrinth 157 – Roding Valley” by Jack GordonOwn work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.
"Mark Wallinger Labyrinth 11 - Pinner" by Jack Gordon - Own work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.
Mark Wallinger Labyrinth 11 – Pinner” by Jack GordonOwn work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.

Precedente Cabine telefoniche di Londra: non aprite quella porta Successivo I miei quattro brunch preferiti di Londra

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.