Crea sito

Madrid per tutti: la nostra top ten tra arte, cibo e relax

La Spagna d’inverno è per noi un classico e proprio questo dicembre ci siamo accorti che mancava all’appello dei nostri viaggi proprio la capitale spagnola: Madrid!

Quale miglior occasione del ponte dell’Immacolata per colmare questa lacuna e salutare il 2015 con un ultimo viaggetto?! Detto fatto, volo ryanair, un pratico bagaglio a mano e via!

  1. Il Prado e il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia

L’offerta culturale di Madrid è eccezionale e spesso gratuita, musei e centri culturali sono ad ogni angolo: i due musei veramente imperdibili sono a nostro parere il Prado e il Reina Sofia. Il Prado e la sua ricchissima collezione vi richiederanno diverse ore: siamo in uno dei più importanti templi dell’arte mondiale dove sono conservati, tra gli altri, Las Meninas di Velazquez e La Maja vestida e la Maja desnuda di Goya, insieme ad opere di Raffaello, Tiziano, Bosch, Caravaggio, El Greco e molti altri. Invece la gande attrattiva del Reina Sofia è riposta a nostra avviso unicamente nella Guernica di Picasso. Entrambi i musei offrono l’ingresso gratuito alcuni giorni della settimana, cliccando sul nome del museo all’interno dell’articolo troverete le informazioni necessarie.

  1. Un giro in bicicletta al Parco del Retiro

Il giro in bicicletta ha vinto la sfida con il giro in barca a remi per la visita dello splendido polmone verde di Madrid! Noi abbiamo noleggiato da http://www.biciretiro.com/ in Avenida Menéndez Pelayo, 51, appena fuori il parco e cominciare l’esplorazione. Pedalare nel parco, magari con un cielo azzurro e soleggiato vi permetterà di rendere la visita più piacevole e di dedicare più tempo alle zone di maggor interesse……

il lago di Calle Nicaragua

Madrid - Parque del buen retiro

Il Palacio di Cristal

Palazzo di Cristallo - Madrid

Il Palacio di Velazquez dove potete trovare frequenti mostre d’arte a ingresso gratuito; la rosaleda: il roseto del parco nel periodo della fioritura delle rose

Il Bosque del Recuerdo con i suoi caratteristici alberi bombati!

  1. Istituzioni culinarie

Una visita di Madrid non può dirsi completa senza una sosta alla Chocolateria San Ginès, aperta H24, e strapiena in alcuni momenti della giornata per provare la cioccolata con “churros”: bastoncini di pastella fritti da intingere in una densa cioccolata calda! Suggeriamo di andarci decisamente di buon mattino, altrimenti l’attesa rischia di diventare eccessivamente lunga per una colazione!

IMG_0064

E per uno spuntino più o meno sostanzioso per intervallare le lunghe passeggiate madrilene? Affacciatevi al Museo del Jamon: ce ne sono diversi sparsi per tutta la città e offrono eccellenti panini e croissant al prosciutto iberico a partire da 1€ accompagnati da birre a 50centesimi. Se oltre che buonissimo è anche così low cost non vi sembra davvero irresistibile?!

Per una serata alternativa nel quartiere di Lavapiès, provate l’esperienza di Melo’s Bar, Calle del Ave María, 44: apre alle 20 ma cercate di essere lì al massimo per le 1930, noi così facendo ci siamo aggiudicati l’ultimo tavolo! E qui comincia la Melo’s experience: crocchette (dicono le più buone di Madrid) e Zapatilla (non vi diciamo cos’è ma provatela con fiducia!).

  1. I Panda Giganti!

Al di fuori della Cina, soltanto tre città sono riuscite a far nascere dei Panda: Tokyo, Città del Messico e…Madrid! I due Panda giganti originari di Chengdu si sono infatti riprodotti dando alla luce due teneri panda con cittadinanza spagnola. Se visitate il Zoo Aquarium di Madrid  potrete fare un incontro ravvicinato con i teneri animaletti che quasi sicuramente saranno impegnati nella loro attività preferita: mangiare pigramente bambù!

Panda giganti madrid

  1. Le piazze

L’elegante Madrid abbonda di piazze che si animano soprattutto quando cala il sole. Per una vista impressionante sulla movida di Piazza di Puerta del Sol alloggiate all’hotel Europa e chiedete una camera ai piani alti con vista sulla piazza: a dicembre vi sembrerà di avere in camera l’albero di Natale!

Madrid - Puerta del Sol

Quando madrileni e turisti si saranno diradati cercate invece il KM zero: il punto da cui partono le sei arterie più importanti della rete stradale spagnola. Sempre in questa piazza svetta la Statua dell’Orso e del Corbezzolo: simbolo della città di Madrid.

Orso e Corbezzolo

A Plaza Mayor, altro cuore della movida madrilena, troverete invece i mercatini natalizi. Plaza Santa Ana pullula di localini e bar dove bere qualcosa all’aperto, sì…anche in inverno. In Plaza de Cibeles troverete la celebre fontana da cui la piazza prende il nome.

  1. Il Palazzo Reale

Tra i gioielli architettonici di Madrid rientra il Palazzo Reale, la residenza ufficiale dei re spagnoli. Da lunedì a giovedì dalle 16 alle 18 (ottobre-marzo) e dalle 18 alle 20 (aprile-settembre) l’ingresso è gratuito per tutti i cittadini dell’Unione Europea: anche noi abbiamo approfittato di quest’opportunità, ma cercate di essere al Palazzo almeno un’ora prima dell’orario previsto per l’apertura gratuita, altrimenti la fila sarà scoraggiante.

Madrid - Palazzo Reale

  1. Il Mercado di San Miguel e il Mercato di San Antòn

Come gran parte delle attività dei madrileni i mercati si animano la sera e sono dei posti da vivere, dove curiosare e mangiare tapas. Visitateli entrambi e non ve ne pentirete: noi al caotico e iperpopolato Mercado San Miguel  abbiamo preferito il meno conosciuto Mercado San Antòn a Chueca, nel quartiere gay dei Madrid, con meno turisti e un’atmosfera più autentica. Anzi già che ci siete non mancate di passeggiare per questo colorato e allegro quartiere!

  1. Il Tempio egizio di Debod

Conservate un po’ di energie all’ora del tramonto per una visita al suggestivo tempio egizio di Debod. Risale al 200 a.C. ed è stato donato nel 1960 dall’Egitto alla Spagna, come ricompensa per l’aiuto offerti da quattro nazioni nel salvataggio del tempio di Abu Simbel, in pericolo a causa della costruzione della diga di Assuan. Oltre a Debod, l’Egitto infatti donò il tempio di Dendur agli Stati Uniti, il tempio di Ellesija all’Italia e quello di Taffa ai Paesi Bassi. Non dimenticate la macchina fotografica! La scenografia è ottima con riflessi e colori da immortalare da ogni angolazione.

Tempio di Debon Madrid

  1. Un drink al Circulo di Bellas Artes

Fate un salto al Circulo di bellas artes di Madrid,  nel pregevole edificio alla confluenza delle vie Alcalá e Gran Via, dichiarato monumento nazionale (storico ed artistico) nel 1981. Al suo interno un ente culturale privato e senza scopo di lucro si occupa di varie discipline dalla letteratura alla scienza, alla filosofia, al cinema. Ma se vi suggeriamo di andare al Circolo è per un aperitivo sulla Terraza, da cui si gode un ottimo panorama sul centro di Madrid.

IMG_0261

  1. Le KIO Towers

Una corsa in metro vi porterà dal centro di Madrid a Plaza de Castilla, dove svettano le Torri Porta d’Europa conosciute anche come KIO Towers (dalla società Kuwait Investments Office che ne promosse l’edificazione). La particolarità dei due grattacieli consiste nell’inclinazione con un angolo di 15° rispetto alla verticale, per un’altezza di 114 metri e 26 piani.

Madrid - KIA towers