Torre del Lago: tra storia e natura.

Torre del Lago oggi è famosa soprattutto grazie al grande compositore Giacomo Puccini e alla sua bellissima oasi naturale. Ma sapete qual è la storia di questo territorio?

Questa località prende il nome da una torre di guardia del XV secolo che si trovava nei pressi del lago.

 Nel 1938 venne chiamata Torre del Lago Puccini in onore di Giacomo Puccini, che amava questo luogo, tanto da far costruire qui la sua casa, divenuta dopo la sua morte un bellissimo museo e luogo di sua sepoltura.

Questa zona tra l’Arno e il Serchio, originariamente era una grande laguna, mentre il lago che vediamo oggi è un residuo di questa vasta distesa d’acqua.

Territorio di confine tra la Repubblica di Lucca e quella di Pisa, fino al 1700 rimase quasi totalmente disabitato perché ancora paludoso e malarico.

 Vi risiedevano solo poche famiglie di pescatori, che vivevano nelle tipiche capanne costruite con il falasco, una pianta molto diffusa nei pressi del lago e utilissima grazie alla resistenza delle sue foglie e del fusto.

 

Fino al 1850 nei documenti questa zona veniva semplicemente chiamata ‘alla macchia’, infatti non aveva ancora un nome.

 

Intorno alla metà del XVIII secolo la repubblica di Lucca decise di migliorare questo territorio, intervenendo con una grande bonifica e forestazione, risanando le aree paludose, favorendo così la scomparsa della malaria e l’aumento della popolazione.

 

Oggi il lago di Massaciuccoli, assieme alla casa-museo Puccini, è una delle attrazioni di Torre del Lago.

 Il lago fa parte del Parco naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli e vi si trova anche un’oasi Lipu.

È possibile fare dei giri in battello e cercare di avvistare le varie specie di uccelli che lo popolano.

Purtroppo nel corso degli anni la bellezza del lago è stata minacciata da varie industrie, tra cui quelle per l’estrazione della torba, utilizzata come combustibile, e quello delle sabbie silicee, entrambe fortunatamente vietate da decenni.

Proprio a causa della costruzione di un impianto per l’estrazione della torba, il maestro Puccini decise di lasciare Torre del Lago per trasferirsi a Viareggio.

Torre del Lago deve molto a Giacomo Puccini; oggi è conosciuta soprattutto perché il maestro ha composto qua molte delle sue opere e perché tutti gli anni, nel periodo estivo, si svolge il Festival Puccini.

Nel grande teatro all’aperto vengono messe in scena le opere del maestro, che hanno come scenografia naturale il bellissimo lago da lui tanto amato.

http://www.giacomopuccini.it/

https://www.puccinifestival.it/

 

Precedente La leggenda della Madonna del Sasso nella chiesa di Sant'Agostino a Lucca Successivo Lucca Comics and Games: dalle origini ai nostri giorni