Sempre più italiani imparano il tedesco

Un secolo e mezzo fa , quando all’età di 14 anni iniziai la ragioneria , la prima cosa che mi chiesi è perché avrei dovuto studiare due lingue straniere quando alla fine, la mia vita si sarebbe dovuta svolgere in Italia. Ma allora non sapevo che il destino aveva per me in serbo una vita da vagabonda con un marito che gira il mondo. All’epoca,  il mio istituto era l’unico che insieme all’insegnamento della lingua inglese accoppiasse anche l’insegnamento della lingua tedesca perché già a quei tempi, si pensava che il tedesco fosse la lingua del futuro.  Per tanto per bene 5 anni e  i successivi 3 anni di università, mi è toccato studiare quella che adesso è diventata la mia lingua quotidiana. Di fatti mi ritrovo a saper bene la grammatica ma a lo Sprechen  barcolla un po’ per via della poca pratica giornaliera.

fonte: asinupress.altervista.org

Oggi giorno per effetto della crisi economica, sempre più italiani studiano il tedesco e sono sempre di più gli italiani che partono per la Germania in cerca di fortuna. In molti arrivano qui senza avere alcuna conoscenza della lingua , mentre altri partono un po’ più preparati decidendo di fare i corsi di lingua già in Italia , per arrivare qui con almeno le nozioni base. Certo non è la soluzione più economica dato che in Italia i corsi costano parecchio e non sono presenti in tute le città .

Imparare il tedesco  è un modo per aprirsi una possibilità di lavoro al di là delle Alpi, dove in media gli stipendi sono migliori e c’è meno disoccupazione.

Ad analizzare lee “conseguenze linguistiche” della crisi economica è stato il Der Spiegel: il settimanale tedesco ha pubblicato una ricerca che mostra, come in Italia negli ultimi mesi stia crescendo rapidamente il numero di coloro che voglio imparare il tedesco e trasferirsi in germania.

Sono sempre di più le scuole e le università italiani che propongono corsi di tedesco. Secondo le ricerche effettuate dallo Spiegel, infatti, sono oltre 400mila gli italiani attualmente alle prese con le difficili regole grammaticali della lingua tedesca.

Sempre secondo lo Spiegel, in Italia si starebbero diffondendo anche corsi di aggiornamento professionali specifici per il mercato tedesco, che attirano l’attenzione di dottori, ingegneri ed avvocati desiderosi di provare il “grande salto” al di là delle Alpi.

Se desiderate seguire il Blog anche su FB cliccate su Mi Piace qui: VIVERE MONACO

( fonte: www.ilmitte.com)
Precedente A Natale niente panettone ma altre delizie per i palato Successivo Buon Natale a tutti!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.