Un sito dove è possibile “acquistare” un uomo online

In un post di qualche tempo fa vi parlavo del fatto che in Germania la prostituzione è legalizzata e in città ci sono parecchi bordelli dove è possibile andare per intrattenersi  in compagnia di qualche bella ragazza. Come dicevo, tutto è legale per tanto non scioccatevi troppo se all’interno di un night una bella signorina,  fermandovi ed invitandovi in un privè, poi vi dica a quanto ammonta  la sua tariffa oraria.

Ad alcuni di questi bordelli ci sono passata anche davanti e ogni volta mi sono sempre chiesta: ma ci sarà un corrispettivo per le donne? Perché , voglio dire, mica avranno voglia solo gli uomini, no?

La risposta alle mie domande è arrivata inaspettatamente qualche settimana fa. Girovagando in rete mi sono  imbattuta in un articolo interessante dove si raccontava la nascita di un sito dedicato interamente alle donne , dove è possibile “acquistare” online un uomo. Mi sono detta: finalmente c’è giustizia a questo mondo!!!

Io sono per la parità dei sessi e se chi sta la dentro e fa questo mestiere,  lo fa per scelta , ben venga il servizio. Ovviamente la cosa cambia se alla base di tutto c’è sfruttamento e violenza.  Ma non sembra il caso di questo sito.

LEGGI ANCHE:  Un libro molto particolare

L’idea è nata da 3 ragazzi di Berlino che una mattina alzandosi hanno pensato: “perché non fare un sito online dove è possibile scorrere gli scaffali , scegliere quello che ti piace, metterlo nel carrello, pagare e poi portare a casa?”. L’idea è quella di un supermercato online dove i prodotti non sono alimenti ma uomini e la spesa la puoi fare solo online.

Il sito si chiama SHOP A  MAN e il concetto di base che differenzia questo sito da altri siti di incontri è che qui il potere di acquisto è solo femminile. Sono le donne che vanno e scelgono il loro preferito e non il contrario. Le donne possono decidere di inserire il loro preferito nel propria lista della spesa , nell’attesa di iniziare a fare la loro conoscenza via chat o messaggio. Sono sempre loro, inoltre, a determinare il ritmo con cui la conoscenza progredisce. L’uomo è un attore passivo: può essere scelto, ma non può prendere l’iniziativa oltre ad un certo limite. Questo, secondo i suoi ideatori, renderebbe l’intero processo più coinvolgente e interessante per la donna, e contribuirebbe ad abbattere uno dei grandi scogli dei siti di incontri: la prevalenza di fauna maschile.

Ogni giorno, in vetrina ci sono le Tagesangebote, mentre una sezione specifica dimostra quali sono le Shopaholics, le ragazze che hanno “acquistato” di più. Le collezioni disponibili in passerella racchiudono i single di Berlino, Amburgo, Monaco, Colonia; si può scegliere anche lo stile del proprio acquisto, dal moderno (gli unger 40) fino al vintage (under 50 e unger 60). Ce n’è per tutti i gusti, insomma.

Il tutto all’insegna delle differenze di genere. “Shop a man”, infatti, è gratuito solo per le donne. Gli uomini, invece, devono sottoscrivere un abbonamento (dai 9,90 euro ai 29,90 euro al mese).

Inizialmente il sito non ha avuto molto successo ma dopo un anno di attività è rinato a nuova vita e adesso va benissimo. Al momento il sito è attivo solamente in dieci città della Germania, ma grazie ad una campagna pubblicitaria importante (su network televisivi nazionali) sta attirando una media di 1000 nuovi iscritti al giorno.

Facebook: VIVERE MONACO

Precedente La festa della donna a Monaco Successivo Pasqua 2013 a Monaco

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.