Come piacere ai tuoi futuri coinquilini

Ho vissuto in diverse città del mondo. Alcune in Italia, altre all’estero. Ogni nuova città ha le sue dinamiche e le sue difficoltà. Specialmente quando ci si imbatte in culture diverse dalla propria. Quando si tratta di cercare una sistemazione per vivere, le differenze principali si riscontrano nel prezzo degli affitti, nelle caratteristiche stesse della casa, nelle modalità di raggiungimento del posto, ecc.

La principale differenza che tutti notano a San Francisco è che qui sembra impossibile persino trovare una casa. I prezzi degli affitti sono molto alti, questo è risaputo. Ma anche se si potesse non badare a spese, trovare un buchetto in cui riposare non è affatto facile. Ho visto gente disperata. Gente che si è sistemata solo dopo mesi di ricerca.

LEGGI ANCHE: CERCARE CASA A SAN FRANCISCO

Ho visto persone rinunciare alle proprie pretese, ragazzi che si sarebbero accontentati di un qualsiasi posto, in qualsiasi zona della città pur di avere un pavimento sul quale mollare quelle valigie per un po’.

Cercare casa a San Francisco

La differenza principale è che a San Francisco non sei tu a scegliere una casa. È la casa a scegliere te.
Cercare casa a San Francisco
L’offerta di stanze da letto a disposizione sembra essere nettamente insufficiente rispetto alla domanda. Il prezzo degli affitti non aiuta sicuramente. Nella maggior parte dei casi è impensabile mettersi alla ricerca di un appartamentino in cui vivere da soli. Di conseguenza, la soluzione per cui la maggior parte dei ragazzi opta è quella della condivisione. Per questo motivo, nella speranza di trovare una dimora si è spesso costretti a subire dei veri e propri casting da parte dei potenziali futuri coinquilini.
LEGGI ANCHE: IL PREZZO DEGLI AFFITTI A SAN FRANCISCO

Pubblicare un annuncio su Craigslist nel quale si mette a disposizione una stanza, equivale a scatenare una guerra. Un’offerta di qualità media riceve centinaia di richieste dall’attimo dopo la sua pubblicazione. È per questo motivo che spesso, gli attuali residenti, piuttosto che ricevere singolarmente tutti i candidati per esaminarli, preferiscono indire quello che viene definito Open House Day.

Cercare casa a San Francisco
Open House Day
Si sceglie un’ora e un giorno e si invitano tutti i candidati a presentarsi. Questo tipo di eventi genera spesso scompiglio nei quartieri a causa delle file di persone fuori dalla porta di un appartamento che, in lunghezza, superano con facilità quelle dei locali notturni al sabato sera.

LEGGI ANCHE: TROVARE LAVORO A SAN FRANCISCO

Una volta varcata quella soglia, vedere la casa è secondario. Si viene di solito accompagnati al tavolo degli imputati dove l’assemblea dei coinquilini al completo indagherà su abitudini, usi e costumi di ogni singolo richiedente per poi ritirarsi e deliberare.
Affrontare l’Open House Day
In queste file puoi imbatterti in ragazze appena uscite dal parrucchiere con indosso i loro abiti migliori con tanto di scollature vertiginose. Ragazzi che sfoggiano le loro doti culinarie portando in dono torte e dolci vari, rigorosamente gluten-free in previsione di intolleranze alimentari dei loro esaminatori. Tutti hanno in tasca centinaia di dollari in cash pronti ad affrontare l’eventuale asta per accaparrarsi la camera. Alcuni, come nel caso di Lauren (foto in basso), optano invece per soluzioni preventive che potrebbero sorprendere i residenti via mail al punto da evitare l’Open House Day e portare a casa il risultato senza stress. Se ve la cavate con l’inglese vi consiglio anche di leggere questo annuncio scritto dal Best Roommate Ever in persona.

Cercare casa a San Francisco

Cercare casa a San Francisco è difficile, ma nulla è impossibile.

Io mi chiamo Ernesto Cinquenove. Per domande, consigli o una birra a San Francisco, mi trovi qui.

Lascia un commento


*