Alla scoperta della riva lombarda del Lago Maggiore con una guida turistica

 

Il Lago Maggiore con le sue rive piene di verde e costellate di preziosi monumenti e luoghi di interesse storico e artistico, rappresenta da sempre una delle principali mete del turismo nel nord Italia.

La sponda lombarda è quella meno nota, forse perché meno ricca di località rinomate, ma non per questo meno meritevole di essere visitata. Le sue rive, caratterizzate da una natura rigogliosa, sono anche ricche di monumenti importanti come il Santuario di Santa Caterina di Sasso e la Rocca di Angera.

In questo articolo vogliamo proporvi un itinerario alternativo su questo affascinante versante del lago, partendo da una visita guidata ad Intra per poi prendere  il battello per Laveno e da li andare alla scoperta di S. Caterina del Sasso e la Rocca di Angera.

Il tutto si svolgerà con una guida turistica abilitata che vi seguirà per tutto il viaggio, illustrandovi le bellezze di questo luogo.

Intra

Porto vecchio di Intra-Verbania
Porto vecchio di Intra-Verbania

Intra rappresenta un’importante località sul versante orientale del Lago Maggiore soprattutto, grazie alla sua posizione privilegiata, come punto di riferimento per i trasporti, in virtù dell’imbarcadero passeggeri e auto per Laveno, e come snodo principale degli autobus locali e comunali.

Come punto di partenza del nostro tour guidato, Intra merita una visita al suo monumento più importante: la basilica di San Vittore. Questa è raggiungibile partendo dalla zona pedonale del lungolago e attraversando l’insieme di viottoli, vicoli e piccole corti che costituiscono l’affascinante centro storico del paese.
Un’altra attrazione che merita essere visitata prima di lasciare Intra è il Vecchio Imbarcadero; costruito in prevalenza in ferro battuto con il suo stile a metà tra il neoclassico e il liberty. Questo venne sostituito anni fa dal nuovo imbarcadero della comunità verbanese ed ora è sede di un rinomato ristorante con vista lago.

 

Laveno

Il Sasso Ferro montagna che sovrasta Laveno
Il Sasso Ferro montagna che sovrasta Laveno

Ad Intra ci imbarchiamo per raggiungere con il traghetto Laveno che rappresenta la capitale turistica della riva lombarda del Lago Maggiore.
Il comune si trova ai piedi del monte Sasso del Ferro, che si può facilmente raggiungere tramite un servizio di funivia. Questo rappresenta non solo uno dei migliori punti panoramici di tutto il lago ma anche una meta ambita per gli appassionati di parapendio e deltaplano.
Laveno possiede un gradevole centro storico che ospita la stupenda Villa De Angeli Frua, di cui vi consigliamo di visitare il rinomato parco botanico, e un bel lungolago con caratteristici porticati dove poter godere di lunghe e piacevoli passeggiate.

A Cerro, frazione di Laveno, è possibile visitare il museo di Palazzo Perabó dove è ospitata la Civica Raccolta di Terraglie, una collezione delle ceramiche artistiche più rappresentative tra quelle prodotte da fine 800 ad oggi. Questo perché, tra le altre cose, Laveno ha rappresentato uno dei maggiori centri europei di produzione di ceramiche e, anche se oggi le fabbriche sono chiuse, resta nel museo questa importante testimonianza di un passato non troppo lontano.

Eremo di Santa Caterina del Sasso

Il meraviglioso eremo sul lago Maggiore
Il meraviglioso eremo sul lago Maggiore

Lasciato Laveno, percorrendo la strada provinciale 69, in direzione Angera ci imbatteremo nelle indicazioni che ci guidano fino al suggestivo Eremo di Santa Caterina del Sasso.
É possibile lasciare l’auto nel parcheggio gratuito e raggiungere poi l’eremo vero e proprio scendendo la scalinata di 250 gradini mentre si gode dello splendido paesaggio che regala il lago, oppure usufruire del ascensore inaugurato nel 2010.
Il complesso monastico è datato all’anno 1300 e in esso è possibile visitare tre diverse strutture architettoniche: la Chiesa con il suo campanile del XIV secolo a strapiombo sul lago, il Conventino e il più vasto e antico Convento Meridionale.
L’ingresso al complesso è completamente gratuito e dà la possibilità ai turisti di assistere alle varie celebrazioni liturgiche e agli eventi, come i concerti musicali di fine luglio, che si svolgono durante ogni periodo dell’anno.

 

Rocca di Angera

Rocca d'Angera
Rocca d’Angera

Continuando il nostro tour sulla sponda orientale del Lago Maggiore, sempre sulla strada provinciale 69 in direzione Sud, arriviamo al comune di Angera.

Considerato un importante centro durante l’epoca romana, Angera durante il Medioevo assunse il ruolo di roccaforte della famiglia Borromeo,  la quale si incaricò di costruirvi la famosa Rocca che divenne col tempo una delle più belle del Rinascimento.
La Rocca di Angera domina maestosamente tutta la sponda del lago, ergendosi in quella posizione strategica che tanta importanza gli valse nei secoli passati. Al suo interno potrete visitare le sue imponenti sale impregnate di storia antica e la Sala delle Maioliche con la sua collezione di più di trecento pezzi rari.
Quello che senz’altro non vi lascerà indifferenti nella visita alla Rocca di Angera è il suo prezioso Museo della Bambola e del Giocattolo, il più grande museo del genere in Europa. Al suo interno potrete ripercorrere la storia del giocattolo e della bambola attraverso l’esposizione di pezzi unici e vedere come questi sono cambiati in funzione del contesto sociale e dell’evoluzione tecnica e dei materiali.

Vi è piaciuto questo viaggio: contattatemi per i vs tour di gruppo, come guida turistica vi potrò consigliare e dare supporto nell’organizzazione.

– Un ringraziamento speciale al B&B Il Borgo di Sabine https://www.ilborgodisabine.com
– Articolo redatto in collaborazione al B&B Il Borgo di Sabine https://www.ilborgodisabine.com

Precedente L'antico borgo di Orta San Giulio