Creta, visitare le gole di Samaria

Creta

Creta è un’isola meravigliosa. Ci siamo stati lo scorso agosto per una settimana e ne siamo rimasti entusiasti. Le bellissime spiagge di Balos e Elafonissi, l’incatevole Chania, il museo di Heraklion e non ultime le Gole di Samaria.

creta, Balos

Creta, Elafonissi

La discesa nelle Gole di Samaria

La notte prima delle discesa nelle gole dormiamo ad Omalos, un piccolo agglomerato di case e hotel che definirei sicuramente come tranquillo all’altezza di 1200 metri. Cenaimo nel nostro alloggio Neos Omalos Hotel (una delle cene più buone della mia vita! con mussaka, vino locale e dolci al miele!).

La mattina presto dopo colazione ci accompagnano all’ingresso delle gole e si parte in discesa per 16km, dall’altezza di 1200 metri al mare. I primi chilometri sono impegnativi per le ginocchia, ma il panorama e la tranquillità meritano davvero.

Creta, Samaria

Passiamo in mezzo ai canyon, fotografiamo le caprette e camminiamo ininterrottamente.

Creta, Samaria Creta, Samaria

Raggiungiamo Agia Roumeli verso l’ora di pranzo, stremati dal caldo più che dalla fatica. Per fortuna che ci siamo avviati presto! Questo paese ha la particolarità di non essere raggiunto da strade. Le uniche vie di accesso sono con il traghetto oppure a piedi scendendo dalla montagna.

Non abbiamo saputo resistere all’idea di pernottare qui e quindi abbiamo prenotato una stanza. L’idea è quella di dormire qui, assaporare la quiete ed il giorno dopo tornare alla civiltà con il traghetto e poi bus, cosi da riprendere l’auto ad Omalos.

L’idea appunto.

Perchè nella realtà siamo due banane che hanno sbagliato a vedere gli orari dei traghetti…e questo traghetto della mattina non esiste.

La scelta è quindi di andare via ora col traghetto oppure restare fino al giorno dopo, come previsto. Mio marito lancia l’idea “torniamo su a piedi”. Ok, è deciso ed è ufficiale, la follia si è impossessata di noi.

La serata

Consumiamo un pranzo leggero, prendiamo la stanza e poi scendiamo in spiaggia per guardare il paese che a poco a poco si svuota con i traghetti che partono. Restiamo praticamente solo noi ed i gestori degli esercizi.

Creta, Agia Roumeli

Ceniamo nella locanda dell’hotel, consumando il peggiore pasto della nostra vacanza, una frittura di pesce surgelata e birra. Il sole tramonta, e noi andiamo a letto. Domani sveglia all’alba per tornare su.

La salita nelle Gole di Samaria

Il sole è appena sorto e noi siamo già in piedi. Nel paese non c’è anima viva.

Creta, Agia Roumeli

Raggiungiamo l’ingresso delle gole ed iniziamo la nostra salita.

I primi chilometri scorrono veloci. Ci fermiamo in un punto pic-nic per mangiare qualche merendina che avevamo con noi e bere un pò d’acqua.

Ovviamente siamo gli unici che salgono, a mano a mano che procediamo incontriamo sempre più gente in discesa. La fatica aumenta e l’ultimo tratto con il caldo è davvero impegnativo.

Creta, Samaria

Mio marito ha qualche momento di cedimento a causa dei crampi alle gambe. Io sono abbastanza allenata, lui un pò meno. Veniamo sorpassati da una coppia di francesi, gli unici altri che incontriamo che vadano in salita.

Creta, Samiaria

Affaticati raggiungiamo finalmente la cima. Sono le 14.00 e crolliamo ai tavolini nel baretto all’ingresso del parco.

Ora ci aspetta un altro problema: come raggiungere Omalos che dista 3km? Fortunatamente a minuti passerà un bus (a quanto pare ce ne sono solo 2 al giorno).

Raggiungiamo l’hotel di Omalos dove pranziamo coi insalata greca, acqua fresca ed anguria. Il gestore ci accoglie stupito. Evidentemente non c’è molta gente che follemente affronta la salita. Magari con una preparazione adeguata non è particolarmente impegnativa, ma per noi è stata una gran fatica, forse anche una follia, ma ce l’abbiamo fatta e ci sentiamo soddisfatti!

Prendiamo l’auto e torniamo a Chania per trascorrere un pomeriggio ed una serata di meritato relax e proseguire la nostra fantastica vacanza a Creta!

 

Precedente Informazioni pratiche: il visto per Cuba Successivo Visitare il Parco Fluviale dell'Alcantara