Inaspettata Danzica

Visitare Danzica

In realtà il titolo di questo post è una riflessione sulle reazioni delle persone quando racconto di essere stata a Danzica. Una prima parte ti chiede dove si trova, il resto un attimo scettico ti chiede “com’è?”. Bellissima! L’avevo ‘puntata’ già da qualche anno leggendo un articolo sul giornale di bordo Wizzair ed il ponte del 1 novembre è stato favorevole per visitarla.

In questo viaggio siamo nella classica formazione di coppia: ovvero io e mio marito. Questa volta con mini-zaini misura Wizzair. (dal 31 ottobre in realtà sono cambiate le regole sul bagaglio, ma noi siamo partiti prima).

Qui le nuove info sul bagaglio a mano Wizzair.

Come raggiungere Danzica

Dall’Italia, Danzica si raggiunge con volo diretto da Bergamo con Wizzair, oppure come abbiamo fatto noi all’andata in treno da Varsavia.

Il biglietto del treno lo abbiamo acquistato alla stazione centrale di Varsavia – il treno Intercity (che poi è la nostra ‘freccia’) costa 35 euro a testa in seconda classe ed impiega 2 ore e mezza per la percorrenza. Durante il viaggio ci hanno anche offerto una bevanda. La stazione di Danzica si trova a pochi minuti a piedi dalla città vecchia e dalla città nuova.

Danzica

Per il ritorno invece abbiamo raggiunto l’aeroporto con il bus urbano (un viaggio lunghissimo, ma estremamente economico). Vi suggerirei di partire presto, oppure di utilizzare Uber che ha degli ottimi prezzi in Polonia (l’abbiamo utilizzato a Varsavia).

Cosa vedere a Danzica

Come primo passo per conoscere Danzica consiglierei sempre il free walking tour  ottima introduzione alla città anche se abbiamo patito parecchio il freddo durante il giro di 2 ore e mezza.

Il tour vi porta a visitare i punti salienti del centro storico e secondo me è un ottimo punto di partenza. Noi abbiamo trovato una guida simpaticissima e se avessimo avuto la forza avremmo fatto anche il tour pomeridiano il ‘solidarity tour’….ma faceva troppo freddo quel giorno!

Vale la pena sicuramente salire sul campanile della chiesa di Santa Maria (la chiesa in mattoni più grande d’Europa). Il panorama sui tetti è molto bello!

Quando c’è molto vento il campanile è chiuso, per cui vi conviene riprovare appena il vento si calma.

Danzica

Alle spalle della chiesa di Santa Maria parte ‘Amber street’ ovvero la via dei commercianti di ambra. Qui si possono comprare oppure anche solo guardare i gioielli in ambra.

E’ bello camminare lungo il fiume di Danzica, soprattutto se c’è il sole. Durante la bella stagione partono anche delle imbarcazioni che permettono di raggiungere Sopot e Westplatte.

I dintorni di Danzica

Il castello di Malbork

Il castello si trova a circa 60km da Danzica e può essere facilmente raggiunto con il treno in circa 40 minuti. Dalla stazione poi bisogna camminare per 10/15 minuti fino al castello. Vi consiglio se possibile di prendere i treni ‘regionali’, che costano notevolmente meno degli Intercity.

Il biglietto d’ingresso costa circa 7 euro e comprende un’audioguida. Consultate il sito del castello per maggiori info su Malbork.

Castello di Malbork

Le informazioni fornite dall’audioguida sono richissime e piene di approfondimenti.

Il castello si trova in una posizione bellissima, a ridosso del fiume. Un tempo un convento, poi diventato castello, fu pesantemente bombardato durante la seconda guerra mondiale è stato poi ricostruito. E’ patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1997.

La costa, Sopot

Se avete un pò di tempo a disposizione, vale sicuramente la pena visitare Sopot, località sulla costa a nord di Danzica. Per raggiungere Sopot potete utilizzare il treno (una specie di metropolitana leggera che parte dalla stazione centrale), oppure nella bella stagione potete andarci in barca.

Durante la nostra visita a causa del vento le barche non partivano, però secondo me potrebbe essere una gita carina da fare sull’acqua.

Dalla stazione al molo ci vogliono meno di 10 minuti a piedi.

Le temperature non erano proprio gradevoli quando ci siamo andati, però vi posso assicurare che dopo aver affrontato le intemperie entrare in una cioccolateria è un premio meritato!

Vi segnalo che la cioccolata polacca è davvero ottima! Ci siamo fermati diverse volte nella catena Wedel e tutto quello che abbiamo assaggiato è stato fantastico, soprattutto la cioccolata calda col rum. Slurp!

Sopot

La nostra gita in Polonia termina qui. Che dire, è un paese che continua a sorprendermi positivamente e nel quale conto di tornare… magari nel 2018!

Precedente In Nepal senza trekking (parte 2) Successivo Il nostro itinerario, 8 giorni in Israele a capodanno