Il nostro viaggio a Cracovia

Si parte per Cracovia!

Questa volta per Cracovia si parte in gruppo. Per noi è una cosa insolita, di solito siamo abituati a partire in 2, ma questa volta oltre a me, Anna, e a mio marito Amato ci sono anche 4 amici storici: Angela, Bernardo, Francesco e Agostino.

Unire le esigenze di tutti non è facile, ma ce la faremo!

Noi abbiamo passato 3 giorni a Cracovia. Ecco secondo me le cose da non perdervi assolutamente.

1. Partecipare ad un ‘free tour’ di Cracovia

Come primissima cosa vi consiglio di partecipare ad un tour del centro storico. Ce ne sono di gratuiti anche in italiano (solo fino ad ottobre) oppure in inglese tutto l’anno. Ovviamente è buona educazione lasciare un piccolo contributo alla guida, ma vi assicuro che vi verrà spontaneo perchè sono davvero bravi.

Noi abbiamo utilizzato Cracow Free Tour: http://www.cracowfreetours.com/ ed abbiamo fatto sia la visita al centro storico che quella al quartiere ebraico.

2. La Rynek Główny – la piazza principale

Questa piazza misura 200 metri per lato e vi posso assicurare che è davvero imponente.

Al centro sorge il palazzo del tessuto, un buon punto di partenza se cercate dei souvenir in ambra (tipica della zona).

Sull’angolo della piazza invece la Basilica di Santa Maria – l’interno e le vetrate mi hanno lasciato senza fiato. Una delle più belle chiese che abbia mai visitato.

3. Visitare ‘La dama con l’ermellino’ al Wawel

Ebbene si, al castello di Cracovia (Wawel) è esposto il quadro de ‘La dama con l’ermellino’. Non aspettatevi una mostra piena di quadri, dopo aver pagato il biglietto vi ritroverete in una stanza con questo unico meraviglioso quadro davanti.

Al Wawel è possibile seguire anche altre visite agli appartamenti ad esempio. Per mancanza di tempo abbiamo fatto questa visita in Polacco, lingua assolutamente sconosciuta a tutta la comitiva; ci hanno però fornito un cartaceo in italiano per non perderci completamente.

Ecco la vista dalla collina del Wawel

4. Toccare la campana di Sigismondo

Nel complesso nel Wawel c’è anche la cattedrale (occhio al dettaglio delle ossa di balena appese fuori) nella quale è possibile vedere ed anche toccare la campana di Sigismondo. Gli abitanti sostengono che colui che è single toccandola possa trovare un compagno in pochi mesi.

E niente, mio marito la tocca ugualmente… forse cerca un compagno per i doppi di tennis? 🙂

Per visitare la cattedrale abbiamo preso anche l’audioguida, che consiglio per godervi al meglio le legende della cattedrale… compresa quella delle ossa di balena.

5. Visitare le miniere di sale

Le miniere di sale si trovano appena fuori Cracovia e sono comodamente raggiungibili con il bus 304 che ferma appena fuori dal centro storico.

La visita può essere prenotata online sul sito delle miniere https://www.minieradisalewieliczka.it/visite/percorso-turistico/la-guida-del-visitatore/ufficio-di-cracovia Ci sono tour in diverse lingue. Le visite in lingua polacca costano un pò meno, ma se non parlate questa lingua i tour sono acquistabili per 84 zloty.

Quello che vi aspetta sottoterra è davvero strabiliante: dalle statue di sale ad intere stanze adornate con lampadari realizzati in sale.

6. Mangiare i Pirogi

Mangiare a Cracovia è economico. Le porzioni polacche sono abbondanti e gustose.

Uno dei piatti tipici da assaggiare sono i Pirogi del ravioli al vapore ripieni di ogni bontà. Ce ne sono con verdure, con carne oppure con formaggio. Per scaldarvi in inverno sono l’ideale. Uscirete belli sazi e con una spesa davvero modica.

Noi siamo stati da Domowe Przysmaki, sulla Florianska e siamo stati davvero soddisfatti!

7. Visitare il quartiere ebraico

Il quartiere ebraico è attualmente una delle zone più mondane della città di Cracovia, piena di ristorantini e locali per bere. La sera pullula di giovani.

Durante il giorno invece è possibile visitare la sinagoga ed il cimitero ebraico. Molto interessante il ‘free tour’ che abbiamo effettuato nel quartiere.

(8. Visitare Auschwitz)

Questo punto lo metto tra parentesi perchè io ho scelto di non visitarlo, mentre alcuni componenti della compagnia ci sono stati. So che potrebbe sembrare superficiale da parte mia, ma io sono facilmente impressionabile e so che se ci fossi andata molto probabilmente non avrei dormito per diverse notti.

Vi do ugualmente i dati della visita: il tour in Italiano, prenotabile online, costa 45 zloty e comprende la visita ad Auschwitz che a Birkenau.

Per raggiungere Auschwitz ci sono diversi bus di linea che partono dalla stazione dei bus di Cracovia. Il costo è di circa 3 euro a tratta. La ditta lajkonik permette anche di prenotare online, ma non so quanto sia necessario dato che ci sono ben 4 ditte che effettuano la tratta. Ah, la destinazione del bus è Oswiecim.

Ci sono anche diversi tour che passano a prendervi dagli hotel, ma secondo me è molto semplice organizzarsi per conto proprio, con un notevole risparmio.

in conclusione…

La Polonia ci è piaciuta così tanto che ci torneremo a breve, per visitare Danzica e Varsavia!

Precedente In Nepal senza trekking (parte 1) Successivo In Nepal senza trekking (parte 2)