Un weekend a Favignana

Favignana è uno di quei posti che ho visitato e che è riuscito a superare le mie aspettative.

La tranquillità…il buon cibo, la natura e il mare. Noi abbiamo noleggiato le biciclette dalla gentilissima Signora Deborah al costo di 5 euro al giorno. Favignana

Per i più pigri o chi ha meno tempo a disposizione ci sono anche le bici a pedalata assistita e i motorini. L’isola è per lo più pianeggiante, il traffico scarso ed è quindi adatta anche ai ciclisti meno esperti come noi.

C’è anche un servizio bus, che parte dal paese di Favignana e raggiunge le spiagge principali dell’isola.

come arrivare a favignana

Il mio consiglio per Favignana è di lasciare l’auto a casa e di raggiungerla con i mezzi. A Favignana ne potete davvero fare a meno e anzi secondo me sarebbe persino un intralcio.

Favignana si raggiunge con l’aliscafo dal porto di Trapani ( orari e biglietti qui https://www.libertylines.it/). Sicuramente in alta stagione vi consiglierei di fare il biglietto online perchè le barche si riempiono velocemente. Il biglietto va cambiato al banco se lo fate online.

Se arrivate in Sicilia in aereo, sia dall’aeroporto di Trapani che da quello di Palermo potete raggiungere il porto comodamente con l’autobus (dall’aeroporto di Palermo potete acquistarlo qui: https://www.buscenter.it/trapani-aeroporto-palermo/ oppure in aeroporto)

le spiagge di favignana

Portate con voi una buona scorta di acqua e provviste, anche se presso la maggior parte delle spiagge ci sono dei chioschetti più o meno permanenti è sempre meglio avere almeno l’acqua.

A spasso con le nostre biciclette a noleggio abbiamo raggiunto in pochissimo tempo dal centro la spiaggia di Cala Rossa, l’accesso al mare non è particolarmente difficoltoso anche se le scarpe da scoglio sono indicate. Forse tra tutte questa è stata la mia preferita.

Favignana-cala rossa –
Favignana-cala rossa –

Bue Marino – l’accesso qui, a meno di non essere bravi tuffatori, è più difficoltoso. L’acqua è freddissima, ma limpidissima e meravigliosa!

Favignana -bue marino-

-bue marino-

Cala Azzurra – questa spiaggia non mi ha fatto impazzire. C’è una piccola spiaggetta, ma era invasa di alghe. L’acqua comunque limpidissima. Vicino alla spiaggia c’è anche un bel bar ed è una delle poche spiagge che mette a disposizione le rastrelliere per le bici.

Grotta Perciata – la bellezza di questo posto è che questa spiaggia è meno frequentata delle altre. Il panorama è meraviglioso e si può passare a nuoto nelle grotte.

FavignanaGrotta Perciata –

Lido Burrone – se vi interessa una spiaggia attrezzata, classica, con sabbia allora questo è il posto per voi. Purtroppo essendo l’unica spiaggia del genere a Favignana come potete immaginare è invasa di persone. Nonostante questo a giugno era davvero bella! Eventualmente per stare fuori dalla calca ci si può anche appollaiare sugli scogli.

Favignana– Lido Burrone –

cos’altro vedere

Abbiamo fatto una bellissima escursione al forte di Santa Caterina. Il forte in se è parecchio trasandato, ma la vista è meravigliosa!

La salita una prima parte l’abbiamo percorsa in bici, poi a spinta perchè troppo faticoso per noi. Poi si lasciano le bici e si prosegue a piedi una mezz’oretta lungo una salita parecchio ripida.

Favignana

Noi siamo saliti al tramonto, portandoci una birra e un pacco di patatine per fare l’aperitivo e non eravamo gli unici (una coppia dietro di noi ha stappato una bottiglia di vino e tirato fuori 2 pani cunzati).

La tonnara Florio, indispensabile secondo me fare la visita guidata che è gratuita (informatevi sugli orari). A guidare la nostra visita il formidabile Sig. Peppe, ex operaio della fabbrica. Gli ho detto che ha un viso molto fotogenico e mi ha detto che infatti appare spesso in TV e mi fa fatto orgoglioso la lista dei programmi “linea verde…linea blu…sereno variabile”. Vi dico solo che ci ha cantato una canzone tipica delle tonnare e questo vi aiuterà a capire che esperienza meravigliosa è stata!

Favignana

Una delle sale della tonnara è gestita dai volontari del centro di salvataggio tartarughe dell’area marina protetta. Vi consiglio di visitarla perchè sono davvero bravi!

Favignana

dove dormire

Dormire a Favignana non è molto economico. Se avete intenzione di muovervi in bici, consiglierei di alloggiare nel paese principale. Se invece noleggerete il motorino e non vi dispiace guidare di notte potreste risparmiare qualcosa alloggiando in altre località.

A giugno abbiamo pagato quasi 70 euro per una camera con terrazzino e accesso privato.

Abbiamo prenotato su Airbnb qui a ‘La luna e il gatto’ un’ottima soluzione a pochi passi dal centro e dal porto.

dove mangiare a favignana

Se volete concedervi una cenetta speciale andate senza dubbio all’Osteria del Sottosale (meglio prenotare). Abbiamo mangiato la tartare più buona della nostra vita qui. Contate di spendere almeno 35/40 euro a testa, vino compreso.

Abbiamo mangiato discretamente anche da Papù, consigliato da locali anche se i prezzi non erano così diversi dall’Osteria del Sottosale.

Per qualcosa di meno impegnativo, sul molo turistico troverete un camioncino che fa dei panini favolosi Non solo formaggi. Ne abbiamo mangiato uno con lo sgombro e uno con il salame di tonno…da leccarsi i baffi davvero.

E gli arancini? Santi e marinai ve ne proporranno per tutti i gusti! Consiglio quello al nero di seppia.

E dopo cena? Un fantastico cannolo o un gelato al Bar del corso.

cosa mettere in valigia

Assolutamente da mettere in valigia le scarpe da scoglio, indispensabili per visitare alcune delle ‘spiagge’ più caratteristiche.

Un paio di scarpe per camminare e per la bicicletta, anche le scarpe di tela possono andare bene. Molte strade non sono asfaltate quindi utilizzate un paio a cui non tenete particolarmente perchè potrebbe essere parecchio polveroso.

Una maschera per vedere i meravigliosi fondali.

Precedente Hydra l'isola senza auto Successivo Zaino o Valigia?