Il Molise esiste: la guida per gli scettici3 min read

Esistere o non esistere

Il Molise non è diverso dalla Basilicata. Entrambe (le regioni) sono come il concetto di Dio. O ci credi o non ci credi. All’inizio sei dubbioso. Imbocchi un sentiero sterrato e una vecchia indigena ti suggerisce di percorrerlo fino alla fine. Che fai? Le dai fiducia o no? Scommetti con razionalità. Se sbagli, perdi qualche energia, se vinci potresti trovare un luogo incantevole. Insomma, lo avete capito da soli: il Molise esiste. Ed è anche molto bello.

Il tour

Il viaggio in questa terra solitaria non può che iniziare dalla sua testimonianza più antica: gli scavi di Sepino, nell’area archeologica di Altilia. L’ingresso è gratuito e dopo aver superato Porta Bojano sembra di immergersi in un tempo andato, quando i romani imponevano il loro modus vivendi alle popolazioni italiche e non. La vecchia Saepinum è infatti una tipica città romana: i cardi incrociano i decumani, c’è il foro lastricato con pietra lavorata, le terme e soprattutto lo splendido teatro. La platea semicircolare, in buono stato di conservazione, poteva contenere circa 3000 persone ed è ancora cinta da un corridoio rivestito di lapidi, resti di colonne e di capitelli. Proprio attraverso questo varco, al termine degli spettacoli, il pubblico defluiva verso l’esterno della città.

Sepino - teatro romano
Teatro romano di Sepino, Molise

 

Il belvedere

Da Sepino si imbocca la Statale Sannitica alla volta di Cercemaggiore (15 km). La cittadina si trova a 900m sul livello del mare. Il nucleo più antico del centro storico sembra anonimo e di poco interesse. Ma non bisogna fermarsi alla prima impressione. Sarebbe un grave errore. Attraverso una stradina di campagna in salita si raggiunge il Santuario di Santa Maria a Monte, eretto nel XII secolo. Questa stupenda chiesa sorge in una radura del bosco. Difficilmente la troverete aperta, ma il sacrificio è ripagato dal panorama: una finestra naturale che abbraccia idealmente tutto il Molise. Unico neo i ripetitori televisivi. Come un graffio sulla Gioconda.

Santuario di Santa Maria a Monte - Cercemaggiore - Molise
Santuario di Santa Maria a Monte, Cercemaggiore (Molise)

 

Il lago del Liscione

Da Cercemaggiore ci si sposta a Guardialfiera (56 km). La cittadina è un borgo pittoresco affacciato sul lago del Liscione (o di Guardialfiera), un bacino artificiale generato dall’innalzamento di una diga sul corso del Biferno. La vista è incantevole ed è un vero e proprio ristoro per gli occhi. A proposito di ristoro, se non vi basta quello metaforico e avete voglia di mettere qualcosa sotto i denti, il consiglio è quello di prenotare un tavolo all’agriturismo “Il Casale di Clesilde”. Si mangia davvero bene. E soprattutto ci si sazia con prodotti locali, sani e genuini. I prezzi? Mettiamola così: avrete la pancia piena e il vostro portafoglio non dimagrirà.

diga del Liscione-Guardialfiera-Molise
Diga del Liscione, Guardialfiera, Molise

Il mare in Molise

Il nostro itinerario non può che concludersi sul mare. A Termoli, per la precisione. Qui potrete scegliere se fare un tuffo nell’Adriatico o gironzolare per i vicoli medievali dell cittadina. In realtà, nessuna delle due ipotesi esclude l’altra, soprattutto in estate. Termoli è infatti davvero affascinante, A misura d’uomo, per giovani e famiglie con bambini. Se volete visitarla, non dimenticate di entrare nella cattedrale di Santa Maria della Purificazione e nel castello svevo. Se invece preferite immergervi nella movida locale non dovrete fare altro che lasciarvi andare. Che siate per l’una o per l’altra opzione, Termoli è la città giusta per voi.

Termoli lungomare-Molise
Sul lungomare di Termoli, Molise

Itinerario in breve

Ricapitolando questo è il nostro itinerario di viaggio che abbiamo pensato per voi:

Sepino-Cercemaggiore (15 km), Cercemaggiore-Guardialfiera (56 km), Guardialfiera-Termoli (33 km)

Dove mangiare: Casale di ClesildeContrada Colle delle Forche,s.n.c., 86030 Guardialfiera, Italia. Tel +39 0874 84 02 43. La struttura dispone anche di 5 camere per pernottamenti.

Ristorante Svevia, vico Giudicato Vecchio 24, 86039, Termoli, Italia. Tel +39 0875 550284. Costo sopra la media

Prozzo contrada Guadocavallo, Sepino, Italia. Tel: + 39 0874790177. Cucina casereccia a 1,5 km dal sito archeologico di Sepino.


 

Precedente I migliori amenity kit per i lunghi viaggi Successivo Alla scoperta della pianura Padana: Lodi