Le Ruve Bianche: un soggiorno indimenticabile

Sul golfo di Sapri

Un angolo di quiete. Un angolo di mediterraneo, il mare della civiltà e delle civiltà: solcato da etruschi, fenici, greci,  romani e dalla sfortunata spedizione di Carlo Pisacane e dei 300. Insomma, la storia è transitata sul golfo di Sapri: una piscina naturale protetta dalle sporgenze della costa che si allungano come i tendini di un braccio. A Villammare, a un tiro di schioppo da Sapri, esiste un posto unico che vi farà apprezzare questi luoghi. Si chiama le Ruve Bianche” e ha tre anime: è un osservatorio privilegiato per ammirare la bellezza del presente, una macchina del tempo per investigare su un passato affascinante ed è un residence stupendo, l’ideale per trascorrere una vacanza in assoluto relax.

Ruve Bianche foto residence
Residence Le Ruve Bianche: la struttura

Confort e pulizia

Le Ruve Bianche è un complesso residenziale turistico di 11 appartamenti che sorge su uno degli angoli più belli della costa Cilentana. Due sono le caratteristiche della gestione: professionalità e calore umano. La prima è visibile nella cura quasi maniacale dei particolari. A partire dagli arredamenti in stile mediterraneo, declinato nei toni dell’azzurro e del giallo, quasi a creare un collegamento con con gli elementi del paesaggio”: E non è tutto: questa attenzione per i clienti abbraccia anche l’igiene del residence, il tallone d’Achille di tante strutture, anche quelle più rinomate. Ecco, a Le Ruve Bianche avrete invece la certezza di villeggiare in un ambiente sempre pulito.

Ruve Bianche- residence-struttura
Le Ruve Bianche, scorcio del Residence

 

Ruve Bianche- golfo di Sapri
Le Ruve Bianche, particolare

Il cuore

Ma i dettagli tecnici rivelano solo una parte della struttura. Sotto i pilastri intonacati di bianco batte un cuore: quello della famiglia Sacco. Sì, perchè il residence è a conduzione familiare. Tutti i membri della famiglia si rimboccano le maniche per garantire agli ospiti un soggiorno confortevole. Perchè chi alloggia a “Le Ruve Bianche” non viene trattato come se fosse un turista al quale spremere le tasche, ma come una persona “da coccolare”, in ossequio alle leggi dell’ospitalità trapiantate in questa area dai coloni greci tanti secoli fa.

La struttura

 Il residence offre degli scorci indimenticabili. Il più bello in assoluto è quello dalla piscina che si affaccia sul golfo di Sapri, quasi a far da prolungamento artificiale allo specchio salato. Se invece preferite un rapporto “più naturale” con l’acqua, potrete sempre recarvi al “Lido” del residence, situato sulla spiaggia di Villammare. Al tramonto però  accomodatevi al bar de “Le Ruve Bianche”, situato sulla terrazza della struttura. Vi disseterete con una bibita fresca e sazierete i vostri occhi con un panorama mozzafiato che accoglie mare e montagna, Tirreno e Appennini.

Ruve Bianche-terrazzo
Le Ruve Bianche: panorama dalla terrazza

COME RAGGIUNGERLO

 Arrivare al residence è semplice. Ed esistono anche diverse possibilità per raggiungerlo. Queste sono le principali:

in auto: Dall’autostrada Salerno-Reggio Calabria con uscita Padula-Buonabitacolo, oppure Lagonegro Nord. Oppure dall’autostrada Napoli-Salerno. Per chi viene dal Nord: Autostrada Salerno-Reggio Calabria, uscita Battipaglia, seguire indicazioni per Paestum/Agropoli e infine variante SS18 per Sapri.

in treno: Linea Napoli-Reggio Calabria con fermata alla Stazione FS di Sapri.

in aereo: Aeroporto di Napoli o Lamezia Terme.

ESCURSIONI

 Per impreziosire le proprie vacanze il territorio offre: arte, sport, gastronomia e molto altro ancora. La posizione strategica delle Ruve Bianche permette di raggiungere in poco tempo alcune delle mete di maggior richiamo del turismo campano e lucano.
Spingendosi per una ventina di km a sud lungo la costa si arriva a Maratea, mentre gli scavi di Velia, i templi di Paestum e la maestosa Certosa di Padula, che distano circa un’ora di macchina, possono rappresentare la meta ideale per una gita di un giorno.

Maratea-Cristo Redentore-panorama
Maratea, panorama con statua del Cristo Redentore

 

Precedente Visitando un Pechino la Cina Successivo Maldive fai-da-te: 5 cose da sapere