Sicurezza e stato di emergenza in Turchia

Metaldetector2016

Un breve aggiornamento sulla situazione sicurezza a Istanbul e sulle conseguenze dello stato di emergenza proclamato dopo il colpo di stato del 15 luglio.

LEGGI ANCHE: Stato di emergenza in Turchia, fatti e propaganda

Innanzitutto, come già spiegato in precedenza le conseguenze dello stato di emergenza sulla vita di tutti i giorni – per abitanti e turisti – sono pressoché inesistenti e comunque trascurabili: si tratta di un provvedimento formale che consente contromisure più efficaci nei confronti del movimento religioso/eversivo che ha organizzato il golpe, per quanto mi riguarda l’unica accortezza è quella di portare sempre con me il passaporto (nel caso di eventuali controlli).

Avevo scritto: “Lo stato di emergenza è una misura temporanea – della durata di 3 mesi – prevista dalla costituzione e per l’appunto approvata dal parlamento; la sospensione della convenzione europea per i diritti dell’uomo, poi, è prevista dalla convenzione stessa: nulla di strano o di problematico, uguali misure sono state adottate in Francia dopo gli attentati terroristici dell’Isis.” E confermo che NON sono assolutamente in vigore coprifuoco o altre fastidiose misure restrittive: regna invece la normalità!

Per il resto, sono state ulteriormente rafforzate le misure di sicurezza: le pattuglie della polizia sono presenti dappertutto, come vedete sono stati installati dei metal detector all’ingresso della metropolitana (almeno alla fermata di piazza Taksim: non so se sono dappertutto o in questa e altre fermate più trafficate).

Insomma, per chi vive o viene a Istanbul le condizioni della quotidianità non sono particolarmente complicate.

Previous Entries Il mosaico di Poseidone ad Aegae Next Entries Il golpe del 15 luglio a piazza Taksim

Lascia un commento