Ai giovani giapponesi piercing e tatuaggi non bastano più: arriva il BAGEL HEAD!

Il bagel è quella ciambellina di pane molto soffice e saporita di origine polacca, diventata molto popolare negli Usa, in Canada e in Gran Bretagna. La parola bagel, affiancata al termine inglese head, indica una particolare forma di body art che permette di creare una protuberanza simile ad una ciambella nella fronte, grazie ad alcune iniezioni di soluzione salina. Quando il liquido è in fase di assestamento è possibile modellare la superficie del viso, praticando una leggera pressione con le dita, fino a creare questi donuts. Nello scenario underground giapponese pare proprio che la bagel head abbia sostituito piercings e tatuaggi, tanto da divenire piuttosto apprezzata tra i giovani dell’Isola.


Il quotidiano britannico Daily Mail afferma che il processo di inserimento del liquido nella fronte dura la bellezza di due ore e la ciambella rimane intaccata nel viso per quasi un giorno intero. Trascorso questo tempo il corpo assorbe la soluzione salina sino a ritornare alla completa normalità. Un cliente di una clinica della modificazione del corpo dichiara al The Sun: “L’ago completamente conficcato nella fronte mi procura una bellissima sensazione di relax”. E ancora: “È una specie di formicolio e la pressione del liquido che scorre nelle mie vene mi aiuta a dormire”. Questo nuovo trend ha iniziato a spopolare in Giappone nel 2007, tuttavia la rivista Vice dichiara che la bagel head è una delle pratiche meno estreme esistenti nel Paese: l’amputazione di arti, la rimozione dell’ombelico e la modellazione delle orecchie a punta ne sono l’esempio. Sembra inoltre che molti ragazzi giapponesi si facciano iniettare la soluzione salina anche in altre parti del corpo, come lo scroto, per avere effetti esilaranti.

Gli amanti della bagel head prendono in affitto dei locali dove organizzano dei parties nei quali la gente può provare l’iniezione salina ma solitamente chi vi partecipa si sottopone al trattamento e poi esce per andare in qualche locale, a qualche festa fetish o cose del genere.

LEGGI ANCHE: “I NUOVI MOSTRI EDOCHIANI: GANGURO E YAMANBA”

Precedente Coinquilini a Tōkyō Successivo Kabukichō, il quartiere a luci rosse di Tōkyō

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.