Dove mangiare a Tōkyō: qualità e risparmio

La prima cosa che desidererete fare a Tōkyō sarà buttarvi a capofitto nel primo ristorante di sushi che troverete. Il mio primo giorno in Giappone fu davvero traumatico: affaticata arrancavo per le vie di Tōkyō portandomi appresso quasi 30 chili di bagagli, il jet lag mi rendeva isterica, gente ovunque mi fissava, musica, rumori, odori nuovi mi investivano; tuttavia, nonostante la stanchezza, dopo aver trovato l’alloggio mi infilai nel primo 7-Eleven di Shibuya e scelsi la scatola di sushi più lussuriosa di tutto il negozio: nigiri con gamberi fritti irrorati di salsa teriyaki, uramaki di branzino e porro, temaki di salmone fresco con avocado e maionese … In quel momento pensai: “La vita è adesso.”

Kaitenzushi


Comunque, anche se li amerete profondamente e saranno un eccellente espediente per risparmiare, c’è da dire che i convenience stores non godono di ottima fama per quanto riguarda il cibo Giapponese. Oggi vi vorrei dare qualche suggerimento per la scelta di ristoranti dove potrete assaporare la vera cucina tradizionale giapponese low cost. Inutile dire che i locali dove preparano sushi e sashimi sono davvero tanti, quelli più economici sono i kaintenzushi, ovvero dei fast food dove il sushi viene consumato molto velocemente (c’e anche un tempo massimo da rispettare, in genere mezz’ora); questi bar hanno al loro interno un enorme banco dotato di un nastro trasportatore dove gli chefs appoggiano dei piccoli piattini con due pezzi di sushi che il cliente può prendere liberamente. Ogni piattino ha un colore diverso, che indica il relativo costo. Ovviamente i prezzi sono più modici, ma il pesce è sicuramente meno buono rispetto ai ristoranti più chic. Nei kaitenzushi i cuochi si trovano proprio di fronte ai clienti e preparano il sushi al momento, perciò è possibile osservare tutte le fasi della composizione dei vari ingredienti. Uno dei kaitenzushi più celebri a Tōkyō è lo Tsukiji Honten, situato a Shibuya Ku (24-8 Udagawa-cho, Shibuya-ku, Tokyo); con poco più di 1000 yen (circa 9 euro) potrete fare una scorpacciata di buon sushi e conversare con i simpaticissimi cuochi che vi lavorano!

Matsuya

In Giappone esistono ristoranti fast food dove si possono assaporare semplici piatti tradizionali con poco meno di 500 yen. All’esterno o all’entrata di questi locali si trovano spesso delle macchine che distribuiscono dei bigliettini dove sono stampati il nome delle pietanze che si desiderano mangiare, il prezzo e le dimensioni del piatto. Si introducono le monetine nel distributore e si preme il pulsante che corrisponde al cibo scelto; viene stampato un biglietto che funge da scontrino fiscale, e che va consegnato al cuoco del ristorante, il quale si occupa di preparare velocemente il piatto. All’interno dei fast food giapponesi spesso ci si siede sugli sgabelli al banco, le cucine sono quasi sempre visibili, infatti il cibo viene preparato di fronte al cliente, cosa molto gradita da tutti, sia perchè è segno inconfutabile di igiene, sia perchè si possono osservare tutte le fasi della preparazione del piatto. Inoltre, si instaura un rapporto, anche se molto formale, con chi cucina: infatti ho notato che nel momento in cui iniziavo a mangiare, i cuochi mi guardavano con la coda dell’occhio cercando sguardi di approvazione, inoltre si accertavano che mangiassi fino all’ultimo boccone. I più frequentati a Tōkyō sono il Matsuya e lo Yoshinoya ma io vi consiglio di addentrarvi nelle vie secondarie della città e provare i meno celebri: sono delle vere e proprie bettole in stile “Mambo” di “Kiss me Licia”, le potrete riconoscere dai distributori automatici di bigliettini all’esterno.

Izakaya

Non dovrete lasciarvi sfuggire l’occasione di provare gli Izakaya, tipici locali giapponesi che vendono bevande accompagnate da cibo. Qui le persone sono solite ordinare molti piatti diversi, e dividere con gli altri commensali, così tutti possono assaggiare un po’ di tutto. Si spende di più rispetto ai ristoranti che vi ho elencato precedentemente, circa 2000 yen, ma molto spesso ci sono le formule “All you can eat”, in giapponese tabehōdai (食べ放題), dove potrete sbizzarrirvi.

Di solito gli Izakaya si trovano nei piani più alti dei grattacieli di Tōkyō, i menù sono anche in inglese e spesso vi si trovano le foto dei cibi, per i turisti inesperti che vogliono andare a colpo sicuro. Io fossi in voi eviterei di andare negli Izakaya dei quartieri principali della città, ci sono troppi stranieri, e le pietanze sono spesso adattate ai gusti occidentali. Prendete un treno, fermatevi in una stazione di periferia e imbucatevi nel primo ristorantino tipico che trovate: i menù sono esclusivamente scritti in giapponese, ma con un po’ di pazienza e ingegno riuscirete ad assaporare autentiche leccornie!

Precedente I giapponesi dicono “ti amo”? Successivo L’uso di droghe in Giappone

Un commento su “Dove mangiare a Tōkyō: qualità e risparmio

  1. Pingback: Vodka al gusto di calabrone | Vivere Tokyo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.