Crea sito

Incontri di sumō

Una delle esperienze più curiose da provare a Tokyo è senza dubbio assistere ad un incontro di SUMŌ, lo sport nazionale del paese del Sol Levante, caratterizzato da sontuosi cerimoniali e grande rigore. Il Sumō è una forma di lotta corpo a corpo nella quale i due lottatori si affrontano con lo scopo di atterrare l’avversario o spingerlo fuori dalla zona di combattimento… è una specie di WRESTLING, ma molto più sofisticato.

Infatti, in Giappone, oltre che uno sport, il Sumō è considerato una vera e propria forma d’arte. Solitamente gli incontri iniziano alle otto del mattino per finire nel tardo pomeriggio, infatti, i giapponesi si piazzano allo stadio con cibarie di ogni genere e sake, e seguono l’intero torneo facendo una siesta di tanto in tanto… Prima del combattimento vero e proprio si assiste ad una serie di riti che permettono al lottatore di concentrarsi (un po’ di stretching, qualche “OHMMM …. OHMMM”, il lancio del sale che è di buon auspicio ed è finalizzato a proteggere i ciccioni da eventuali infortuni); dopo tutta questa preparazione finalmente inizia lo scontro che dura non più di 30 secondi. E’ molto divertente guardare i giapponesi mentre seguono l’incontro di Sumō, che a volte risulta essere un tantino noioso … sono tutti attenti, silenziosi e composti col loro pranzo a sacco e il bicchierone di sake o di birra! Niente a che vedere con i nostri cori da stadio (POOOPOPOPOPOPOOOO) arricchiti da bandiere e striscioni ironici!!

I lottatori di Sumō per diventare così grassi seguono una dieta iperproteica: Il Chanko nabe è un “pastone” di vari ingredienti e loro sono soliti consumarne non poco. Non esiste una ricetta o una regola precisa per preparare questo piatto, si sa solo che è prevalentemente a base di carne. Non basta il Chanko-nabe, ma serve anche un bel sonnellino pomeridiano per non consumare subito le risorse energetiche conquistate nel cibo, e per questo i lottatori ingrassano!

A Tokyo i principali incontri di Sumō hanno luogo al Ryogoku Kokugikan Sumō Stadium, il costo dei biglietti è compreso tra 1.000 (10 euro circa) e 45.000 yen per un palco (430 euro circa). Si possono anche noleggiare delle radio che forniscono il commento in inglese. Consiglio a tutti di visitare il museo vicino allo Stadio, il Sumō Museum, è piuttosto interessante ma non dispone di alcuna spiegazione in inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.