Se soffrite di claustrofobia evitate i Capsule Hotel!

Ancora non ho avuto l’occasione di dormire in un Capsule Hotel, ma sicuramente si trova nella mia lista delle “100 cose da fare prima di morire”! Sono l’ultimo rifugio di ubriaconi e disperati (la maggioranza sono solo per uomini) e offrono una sistemazione molto economica in un piccolo tubo con dimensioni appena sufficienti per dormirci dentro. A pensarci bene non sono così orribili, in genere si sceglie di trascorrere una sola nottata in un “hotel capsula”, e può diventare un’ottima soluzione se si perde l’ultimo treno: si risparmia, si sta al calduccio e c’è tutto il necessario per fare sonni tranquilli.

Si tratta di alberghi strettamente legati alla cultura e all’architettura giapponese e con una caratteristica che li rende unici: le stanze di un Capsule Hotel infatti misurano solitamente un metro per due. Quanto basta per contenere tutto ciò che serve in una stanza persino il superfluo come la TV, la connessione a Internet e talvolta anche la playstation. Queste capsule sono fatte interamente di plastica e vengono solitamente raggruppate e immagazzinate in pile alte due unità. Bagagli, borse e valigette vengono di solito depositate in un armadio o in una cassettina con sistema di apertura a combinazione lontani dalle capsule, mentre i sanitari e le docce sono in comune. La privacy, fondamentale in Giappone, viene garantita da una tendina dal lato dell’ingresso aperto della capsula. In questi hotel non manca davvero nulla: una grande sala ospita macchine lavabiancheria a gettoni, vi sono piccoli bar, una caffetteria oppure un modesto ristorante per le colazioni, e quasi sempre in ogni piano, qualche distributore automatico, e altre strutture per l’intrattenimento. Ovviamente le scarpe vanno lasciate al check-in e in cambio si ricevono delle ciabattine per accedere alla zona delle capsule.

Il primo Capsule Hotel fu progettato dal rivoluzionario architetto nipponico Kishō Kurokawa nel 1979 e l’hotel prese il nome di Ōsaka Capsule Inn.

I prezzi sono abbastanza accessibili, circa 2000-4000 yen per una notte (18-38 euro circa). Tra i tanti, si può scegliere il Capsule Hotel Asakusa Riverside: ubicazione perfetta al centro di Asakusa, a Tōkyō, oppure lo Shinjuku Kuyakushomae Capsule Hotel, un po’ più costoso (capsule a partire da 4200 yen), nel quartiere di Shinjuku, sempre a Tōkyō.

Precedente Cosa fanno gli impiegati di sera a Tōkyō dopo il lavoro? Successivo WC giapponesi: come si usano?

3 commenti su “Se soffrite di claustrofobia evitate i Capsule Hotel!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.