Vademecum per giovani italiani alla conquista di ragazze giapponesi a Tōkyō

Cari lettori,

molti di voi, dopo aver letto il mio post su come conquistare un uomo giapponese, mi hanno chiesto di stilare il corrispondente articolo sul corteggiamento femminile, perciò eccovi accontentati!! Ho raccolto tutti gli aneddoti dei miei amici stranieri a Tōkyō alle prese con ragazze giapponesi e per ciascuna esperienza ho cercato di trovare dei denominatori comuni in modo tale da rendere attendibili le informazioni che vi sto dando, evitando di inciampare nei soliti cliché.

A proposito di luoghi comuni, donne e uomini giapponesi sono fermamente convinti che i ragazzi italiani siano degli esperti tombeurs de femmes, stile Marcello Rubini nel lungometraggio “La dolce Vita” di Federico Fellini. Qualche anno fa ospitai un amico di Tōkyō in Italia e un giorno lo portai al mare assieme ad alcune mie amiche; nella strada del ritorno egli incuriosito ci chiese come mai nessun ragazzo si fosse avvicinato per attaccare bottone o provarci con le ragazze in spiaggia. Gli era sembrato piuttosto strano, proprio perché in Giappone pensano che i giovani italiani siano intraprendenti e inclini a prendere l’iniziativa in queste situazioni. Detto ciò, mi rivolgo a tutti i turisti italiani che cercano avventure con donne giapponesi: non deludete le loro aspettative, siate sciolti e spigliati, possibilmente con stile!

In Giappone sono molto popolari i manuali per conquistare le ragazze. Si possono trovare in tutte le librerie ma in genere sono in lingua giapponese, rivolti quindi a un pubblico maschile autoctono. In queste piccole guide le ragazze vengono divise a seconda del quartiere che frequentano e  vi sono riportate le caratteristiche e le strategie per ammaliarle. Ad esempio, le “Roppongi Girls” sono considerate le più audaci e sfacciate, amanti dei soldi e della bella vita, più inclini a relazioni fugaci. Mostratevi scaltri e sicuri di voi, non fatevi intimorire dalla loro impertinenza. La sera è il momento ideale per conoscerle: il quartiere di Roppongi è conosciuto come il “wild side” di Tōkyō, pullulante di locali alla moda dove vige l’anarchia più totale: infatti gran parte delle persone che bazzicano quelle zone sono straniere. Le “Shibuya girls” sono molto diverse tra loro: ci sono le Ganguro (dedicherò un intero post su di loro), ragazze abbronzatissime in abiti succinti, si tingono i capelli di biondo platino e si truccano molto pesantemente; poi vi capiterà di vedere donne molto raffinate, le classiche che “se la tirano”. Indossano vestiti eleganti, portano borse griffate e passeggiano per le vie di Shibuya nelle loro lussuose Jimmy Choo. Vi sarà piuttosto difficile avvicinare le ragazze di questo quartiere, non vi degneranno nemmeno di uno sguardo. Le “Shinjuku girls” amano portare a spasso il loro cane; mostratevi interessati al loro cucciolo, farete sicuramente colpo! Le “Meguro girls”, ragazze semplici e acculturate, hanno look sobri ed essenziali, quasi non si truccano e tendenzialmente sono taciturne e riservate. Chi vuole conquistarle deve essere pronto a un corteggiamento serrato.

È risaputo che una delle cose che piacciono a molte ragazze giapponesi è il “Gaijin-power”, il POTERE DELLO STRANIERO. Sembra infatti che siano parecchio attratte dall’uomo occidentale, soprattutto dall’italiano. Mi è capitato di conoscere ragazzi non proprio bellissimi e anche un po’ imbranati, insomma, di quelli che in Italia non “batterebbero chiodo”, che in Giappone hanno avuto un successo strepitoso! La zona di Nishi Azabu, a Tōkyō, è perfetta per gli stranieri con l’intento di approcciare giovani giapponesi … fate un giro al Muse club (Minato ku, Stazione Roppongi, linee Hibiya e Oedo). Una sera alcune ragazze di Tōkyō mi hanno confidato che avrebbero tanto voluto conoscere uno straniero per questo motivo: “Nihonjin ni kurabete, gaijin no saizu ha motto Ookii!”! (Traduzione: Rispetto a quelle dei giapponesi, le dimensioni degli uomini stranieri sono di gran lunga superiori!”. Non voglio aggiungere altro.

Precedente Lo sapevate che in Giappone … Successivo 5 cose da fare gratis a Tōkyō

8 commenti su “Vademecum per giovani italiani alla conquista di ragazze giapponesi a Tōkyō

  1. Sapete avevo intenzione di andare in tuttaltro posto ,ma visto che ho letto questa pagina ,mi ha incuriosito parecchio ,oltre le belle ragazze giapponesi ,mi affacscina la cultura giapponese ,le loro usanze ,e sopratutto l educazione di questo popolo ,anzi sinceramente parlando, non mi dispiacerebbe avere in futuro una fidanzata giapponese ,per apprendere la sua culutura ,e conoscere cose ,che sicuramente non so .sapete che vi dico che il prossimo anno mi faro un viaggio a tokyo per visitarla ,ci sarà tanto da vedere ,e iniziare a imparare il giapponese .

  2. LEnyHan il said:

    Certo, provateci con una ragazza giapponese: il modo più sicuro per finire “sospettati” di molestie da un qualsiasi poliziotto e sbattuti in galera “per accertamenti”. E se finite dentro (e finite dentro, perché siete gaijin e quindi colpevoli fino a prova contraria) non uscite più. Leggete i resoconti in rete di questa situazione e state LONTANI dalle donne giapponesi.

    • Ciao, piacere mio di conoscerLa. Io sono Adelmo.
      Come voi avete il fascino degli occidentali, così io sono affascinato dalla fedeltà femminile giapponese verso il proprio compagno . Corteggiare una donna giapponese comporta essere molesto ? Ne sarei immensamente felice conoscere il metodo migliore per frequentare seriamente la Donna Giapponese. Saluti dalla città di Napoli 🙂

    • francesco il said:

      Ma va la’…. almeno se son sei un vecchietto bavoso di 80 anni interessato solo a quella cosa li’.
      >Avvicinatevi pure a loro con educazione e modi gentili. Le giapponesi sono molto interessate ad uno straniero che abbia qualcosa di interessante da raccontare. L’orario migliore e’ dalle 18:oo quando escono dal lavoro. Ciao.
      Francesco

      • Giorgia il said:

        L’hai detto anche tu Francesco: “Le giapponesi sono molto interessate ad uno straniero che abbia qualcosa di interessante da raccontare.” Trovare uomini che abbiano qualcosa di INTERESSANTE da dire non è un’impresa facile. Per questo motivo molto spesso stranieri e non vengono snobbati. Probabilmente tu ci riesci e buon per te.. 😉
        Ciao ciao!

        Giorgia

  3. che ridere questi commenti.
    c’è gente che crede ancora che nel mondo esistano donne idealizzate, gheishe, culture marziane, passere orizzontali…
    se siete così babbi qui, lo sarete ancora di più all’estero.
    buone cose.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.