Berlino segreta: il villaggio di Lübars

Berlino, la metropoli moderna da 4 milioni di abitanti. Berlino, la città proiettata nel futuro. Berlino che, nonostante tutto, ha degli angoli segreti che ti fanno fare un viaggio indietro nel tempo. Come ad esempio Lübars, antico villaggio oggi inglobato nel distretto di Reineckendorf, dove il tempo sembra essersi fermato al 1700. Immerso nel verde, il villaggio di Lübars conserva più o meno intatta la sua struttura del XVIII secolo, con tanto di chiesa barocca, la Dorfkirche. Un angolo di paradiso dove è difficile credere di trovarsi nella capitale della Germania, eppure siamo ad appena 11 chilometri dall’Aeroporto di Tegel e a 3 dalla fermata della S-Bahn più vicina, Waidmannslust. Raggiungere Lübars è difficile, ma non impossibile. Dalla suddetta fermata della S-Bahn basta prendere il bus 222, che vi porta dritti al cuore del villaggio. Bus che passa anche alla fermata U-Bahn Alt-Tegel (metro 6).

Un post condiviso da Dani (@danielabettinaa) in data:

A photo posted by Mac Göllnitts (@mac_72) on

Lübars è stata fondata nel 1230 e dal 1239 diventa proprietà del convento benedettino di Spandau, ma la prima menzione del luogo (che significa “luogo appartenente ad un uomo di nome Lubar”) è solo del 1247. Nel 1375 il villaggio è presente nel libro catastale di Carlo IV, Imperatore del Sacro Romano Impero, descritto come un luogo composto da sei case di contadini, un edificio per lo scoltetto (praticamente il sindaco) e una taverna, l’antenata della Dorfkrug ancora presente oggi in Alt-Lübars 8 (http://www.gasthof-alter-dorfkrug.de).

A photo posted by Florian Laser (@flolaser) on

Un post condiviso da Tobi (@hunky_doory) in data:

Buona parte di quello che vediamo oggi però appartiene al XIX secolo, quando sempre più berlinesi lasciano la città per la campagna. A questo periodo risalgono le basse case residenziali decorate con stucchi. Particolarmente interessanti – tanto da essere sotto la protezione dei beni culturali – sono la già citata taverna Alter Dorfkrug e la Festsaal annessa, che ancora oggi rappresentano i luoghi di incontro per gli abitanti di Lübars.

A photo posted by Ricarda (@ricarda8888) on

A photo posted by Sarah (@alles_und_anderes) on

Il 1 ottobre 1920 Lübars entra a far parte della Grande Berlino e nel dopoguerra, con la costruzione del Muro, diventa l’unico posto di Berlino Ovest a conservare un carattere rurale, grazie alla sua struttura urbana tipica di un villaggio di campagna. Per questo diventa meta prediletta per le gite di classe, oltre che luogo con forte presenza di turisti. Tutt’oggi Lübars rimane infatti uno dei pochi luoghi in tutta Berlino dove è ancora possibile incontrare e vedere contadini all’opera.

NON PERDERTI GLI ALTRI ARTICOLI DELLA SERIE “BERLINO SEGRETA”

Per rimanere aggiornati sugli ultimi articoli, potete cliccare “mi piace” sulla pagina Facebook ufficiale di Berlino Caput Mundi

Vuoi che le tue foto vengano utilizzate nei nostri articoli? Tagga le tue foto di Instagram con il tag #berlinocaputmundi e potrai essere protagonista sulle nostre pagine!

3 thoughts on “Berlino segreta: il villaggio di Lübars

  • 1 Settembre 2016 at 11:05
    Permalink

    Buon giorno Paolo, finalmente trovo informazioni su Lübars. Mi saprebbe dire se da Tegel o eventualmente da Waidmannslust esiste un percorso pedonale lungo il Tegeler Fließ per raggiungere Lübars. Ho trovato articoli nel sito della BVG ma ho ancora qualche difficoltà con il tedesco. Grazie.

    Reply
    • 1 Settembre 2016 at 11:27
      Permalink

      Ciao Paola, dal Tegeler Hafen parte un percorso di circa 9 km fino a Lübars, è quello evidenziato in verde:
      Tegel-Lübars

      Inoltre c’è un percorso di 13 km che parte da Bernauerstrasse ed arriva fino a Lübars lungo il percorso del Muro. Una passeggiata verde quasi completamente al riparo da automobili.

      Fammi sapere (se le fai) se vale la pena provarle

      Reply
      • 5 Settembre 2016 at 20:46
        Permalink

        Grazie Paolo, non mancherò di farti sapere

        Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.