David Bowie: mostra al Martin-Gropius-Bau

*di Paolo Sprecacenere

La carriera di David Bowie è indissolubilmente legata alla storia della Berlino degli anni ’70. E’ proprio qui nella capitale tedesca che il Duca Bianco ha scritto alcune delle pagine più interessanti della sua lunga e fortunata discografia, é qui negli Hansa Studios di Köthener Strasse che il musicista inglese ha registrato una delle trilogie più apprezzate della storia del rock e del pop (Low, Lodger ed Heroes) ed è alla città di Berlino che Bowie ha dedicato alcune delle sue canzoni più amate come “Neukölln” e “Where are we now?”.

Non è quindi strano che dopo il successo della retrospettiva organizzata a Londra, i curatori abbiano deciso di spostare il tutto proprio nella città che più è stata di ispirazione per il Duca Bianco

Dal 20 maggio al 10 agosto presso il Martin-Gropius-Bau berlinesi e turisti avranno quindi la possibilità di godere di una mostra che abbraccia l’arte a 360°, con un occhio di riguardo per il rapporto Bowie-Berlino, come promesso dai curatori del Victoria&Albert Museum di Londra, menti dietro al progetto. Musica, video, design, grafica, cinema… tutto quello che ha ruotato e tuttora ruota intorno all’artista che dal 1976 al 1978 scelse come seconda casa il Bayerische Viertel di Schöneberg (nell’allora Berlino Ovest) saranno in mostra per fans e semplici curiosi.

LEGGI ANCHE: BOWIE E I CIELI GRIGI DI BERLINO VISTI DA CHI L’HA AMATA

Dal costume di Ziggy Stardust a quello di Alladin Sane, fotografie di Helmut Newton e Brian Duffy (tra gli altri), estratti video da Saturday Night Live (1979) e The Man who fell to Earth (1976), così come i video musicali di “Boys Keep Swinging” e “Let’s Dance”. Non mancheranno rarità come schizzi e disegni dello stesso Bowie, pagine di diario, setlist di concerti e così via.

La mostra sarà quindi un viaggio indietro nel tempo fino alla Berlino degli anni ’70, con un occhio di riguardo per la vita notturna della Berlino Ovest di allora, influenzata da artisti come Bowie appunto, ma anche Iggy Pop e Brian Eno. Molti degli oggetti che saranno in mostra presso il Martin-Gropius-Bau sono stati selezionati appositamente per la tappa berlinese di questa mostra, un’occasione più che unica per prenderne parte.

Prezzi? 14€il biglietto intero e 10€ il ridotto, acquistabili anche direttamente sul sito ufficiale della retrospettiva: www.davidbowie-berlin.de Ci vediamo lì!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.