Guida fotografica di Berlino: Weißensee

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle zone di Berlino attraverso le foto di Instagram. Stavolta vi porto a Weißensee, un quartiere ancora poco conosciuto, ma di cui a breve – si dice – sentirete molto parlare. Il motivo di queste previsioni è semplice: siamo a pochi passi da Prenzlauerberg (circa tre fermate di tram) e gli affitti sono ancora relativamente bassi rispetto alla media cittadina. Il quartiere inoltre deve il nome ad un lago, che rappresenta uno dei fattori principali per scegliere il Weißensee come quartiere di residenza. A chi non piacerebbe infatti vivere in un quartiere dove c’è verde, c’è tranquillità ed in estate la possibilità di prendere la tintarella sulle rive di un laghetto urbano?

Una foto pubblicata da Angelo Calò (@angelo_calo_91) in data:

Un post condiviso da Ho Seong Song (@ilikeafricaa) in data:

Nato nel XIII secolo come la maggior parte dei villaggi intorno a Brlo-Cöln (il nucleo storico di Berlino intorno al Nikolaiviertel), il Weißensee è stato fino al 1700 un feudo che passava di mano in mano, senza mantenere a lungo lo stesso padrone. Al temine della guerra dei trent’anni, qui vivevano solo tre famiglie. Tra il 1800 e gli inizi del 1900 il quartiere cresce grazie all’industria e alle imprese edili. Vengono costruite scuole, un ospedale, un tribunale e tutte quelle infrastrutture che potevano servire al comune di Weißensee per ottenere lo status di Stadt, città. Con l’avvento della Grande Berlino nel 1920 il quartiere viene inglobato nel comune della capitale, diventando uno dei tanti quartieri a ridosso del Ring.

Una foto pubblicata da Steffi Deichsel (@frau_steffi_berlin) in data:

Una foto pubblicata da Abdullah F. (@abfrax) in data:

Arriva la Guerra Mondiale, la divisione delle due Germanie e la Riunificazione del 1990. Weißensee diventa parte del distretto di Pankow, a cui appartiene ancora oggi. Come dicevo il quartiere è sulla bocca di molti. Non mancano definizioni come “Il nuovo Prenzlauerberg”. Sotto certi aspetti è innegabile che le giovani famiglie che prima popolavano il quartiere intorno alla Kollowitzplatz non riescano più a sostenere gli affitti arrivati alle stelle nella zona e cercano qualcosa di più economico nei dintorni. Ecco quindi che il Weißensee entra in gioco.

Un post condiviso da Michael Bartos (@king_fisher) in data:

Una foto pubblicata da @meanwhileinberlin in data:

Un misto di altbau, neubau e case unifamiliari per un quartiere che non pensava certo di candidarsi come prossimo protagonista della scena immobiliare berlinese. I lavori in corso (specialmente nel Komponistenviertel) fanno presagire un futuro roseo per la zona. Ci sono però dei contro. Non possiamo negare che la vita nel quartiere stia diventando più interessante grazie alla presenza di locali come Eisspatz, Schillerburger, Mandelbaum, Frieda’s Glück e alle offerte culturali della Brotfabrik, del Cinema Delphi o del Festival By The Lake (che si tiene ogni estate presso il lago), ma l’assenza di Ubahn ed Sbahn lascia il quartiere troppo in “periferia”. Sì, ci sono i tram ed i bus, Prenzlauerberg, Alex ed Hackeschermarkt non sono lontani grazie all’M4, ma la mancanza di infrastrutture nei trasporti potrebbero scoraggiare i più.

Una foto pubblicata da Philipp L. (@cycaone) in data:

Resta però una verità: Weißensee è un bel quartiere, vivibile, non ancora rovinato dal turismo di massa e dalla gentrification. Qui potete ancora vedere una Berlino che non esiste più da anni. E godere di un lago nel bel mezzo del quartiere. e di affitti ancora abbordabili.

Una foto pubblicata da Pascal (@kallifornien) in data:

Una foto pubblicata da Nita Tjandra (@n.tjandra) in data:

RILEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DELLA SERIE “GUIDA FOTOGRAFICA DI BERLINO”

Se l’articolo ti è piaciuto metti “mi piace” alla nostra Pagina Facebook e condividilo con i tuoi amici! Trovi Berlino Caput Mundi anche su Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.