L’idea “geniale” per ridurre il ritardo dei treni

In Germania si sa, funziona tutto alla perfezione. Del resto i tedeschi sono conosciuti in tutto il mondo per essere un popolo di persone precise. E le ferrovie tedesche rispecchiano in pieno l’idea che si ha del popolo: pulite, veloci, in orario. Questo è quello che molti pensano al di fuori della Germania. Basta venire qui anche solo in vacanza per capire che la puntualità per la Deutsche Bahn è pura utopia. E le S-Bahn, che sono controllate proprio dalla Deutsche Bahn, sembrano seguire l'”ottimo” esempio della casa madre. Soprattutto a Berlino.

Capita spesso che la Sbahn sia in ritardo, o che non passi proprio. Un dramma soprattutto nelle ore di punta, quando le persone devono raggiungere il proprio posto di lavoro. In questo i tedeschi sono sì precisi. Avete mai provato ad arrivare in ritardo in ufficio? Non ci son problemi con i mezzi che tengano, occhiatacce e – nella peggiore delle ipotesi – il richiamo scritto sono inevitabili. Cosa han pensato dunque ai vertici della S-Bahn di Berlino per contrastare questo fenomeno fin troppo usuale? Nuovi treni? Aumento delle corse? Nuove linee per connettere diverse zone della città? Ottimizzazione delle coincidenze nelle stazioni di scambio? Macchè, niente di tutto ciò!

ritardi sbahn berlino
Peter-Paul Moschik

La soluzione “geniale” è ben altra: far passare i treni nelle stazioni “minori” senza effettuare la fermata. Le stazioni sfigate designate sono Halensee e Hohenzollerndamm, nel quadrante sud-ovest del Ring. Una scelta abbastanza singolare se si considera che le due stazioni sono contigue e che non c’è nessuna possibilità di utilizzare un altro mezzo. Mancano infatti stazioni della Ubahn nelle fermate designate, ma solo bus. Se da un lato il fatto di passare senza fermarsi non rappresenterebbe poi chissà quale disagio per chi deve salire in queste due stazioni, il problema di presenta per chi in queste stazioni deve scendere.

Del resto, se il treno passa senza fermarsi non è poi molto diverso da un treno in ritardo o soppresso, specialmente nelle ore del giorno in cui la frequenza è di un treno ogni cinque minuti. Ma se bisogna scendere ad Halensee ad esempio ed la Sbahn ti costringe a proseguire fino ad Heidelberger Platz e poi tornare indietro, allora sì che il disagio è notevole.

Al momento dell’annuncio non sono mancate polemiche sui social media. Chissà se questa proposta geniale della Sbahn berlinese diventerà effettivamente realtà. Noi speriamo di no. Voi?

Se l’articolo ti è piaciuto metti “mi piace” alla nostra Pagina Facebook e condividilo con i tuoi amici! Trovi Berlino Caput Mundi anche su Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.