La festa di São Cosme e São Damião

Nuova lettera da Rio de Janeiro dal nostro connazionale Matteo Gennari.

Come sempre vi rimando a questa pagina per leggere tutte le lettere e le poesie dal Brasile.

La festa di São Cosme e São Damião

Caro Roberto,

dopo l´ultima lettera ho ricevuto alcune critiche via facebook, ma solo una mi ha fatto arrabbiare: una brasiliana che mi ha scritto “vai a parlar male del tuo Paese e non del mio”. Non mi ha ferito la critica in sè, ma il fatto che io non possa, secondo lei, pensare che il Brasile sia anche il mio, di Paese. Una moglie e tre figli brasiliani che frequentano scuole pubbliche e private brasiliane, assicurazione sanitaria privata brasiliana e vari contatti coi servizi pubblici di salute; cibo, acqua, birra brasiliana assimilata, anni addietro, in grande quantità; tredici anni a Rio, occupazione brasiliana, tasse pagate in Brasile, un appartamento comprato e abitato in Brasile non mi danno forse il diritto di considerare Rio la mia città, e di scriverne?

D´altronde il patriottismo di alcuni miei concittadini e concittadine, il patriottismo di alcuni brasiliani residenti in Italia è “patriottismo all´acqua di rose”, si basa, cioè, su preoccupazioni relative ai problemi di immagine. Oggi, come sappiamo, l´immagine è più importante della realtà… Alla brasiliana patriota io consiglio di fare un salto nell´ospedale pubblico Miguel Couto di Leblon, di entrare nelle stanze e nei bagni e di indignarsi per la sporcizia e per i problemi di immagine che quei bagni e quelle stanze potrebbero suscitare nelle coscienze dei pazienti!

Ma io, Roberto, in questa lettera, volevo parlarti della festa di São Cosme e São Damião, nel Terreiro Centro Espírita Filhos de Oxalá, ad Abolição.

São Cosme e São Damião
São Cosme e São Damião

C´erano tavoli imbanditi di ogni tipo di dolciume, dolci multicolori zuccherati, zucchero filato, torte e frutta, banane, ananas, manghi. Il Terreiro era pieno di bambini e di gente povera che era venuta a ritirare le borse con riso, fagioli, pasta, latte e cioccolato che gli avevamo preparato. Cosme e Damião sono i santi protettori dei bambini qui in Brasile e da molti anni (credo dagli anni 20, 30 del secolo scorso) le religioni afro discendenti, dopo essersi mescolate con quella cattolica, è nel giorno di São Cosme e São Damião che celebrano l´infanzia.

C´erano i figli degli adepti, ma mancava Patrick. Patrick era stato adottato da una delle donne del Terreiro. Un bambino di undici anni, bianco, castano, dall’espressione intelligente che, la prima volta che mi ha visto, facendo un paragone tra noi vestiti di bianco e i busti delle immagini dei santi alla parete, mi aveva assimilato a Oxalá – Gesù. In questi anni è scappato di casa tre o quattro volte; una volta si è infilato in una favela e i genitori assieme al Pai de Santo per recuperarlo hanno dovuto affrontare i narcos armati, ai quali il ragazzino aveva raccontato le molestie che avrebbe ricevuto in casa, secondo la madre inventandosi tutto. L´ultima fuga pochi giorni fa, dalla finestra dei bagni della scuola. È riuscito poi a prendere l´autobus e si è ritrovato a Seropedica, nella Baixada.

I genitori hanno chiesto all´orfanotrofio di riprenderselo. Non ce la facevano più. E lui stesso ha detto che preferisce sentirsi libero e pensare che, compiuti i diciotto anni, avrà la strada come amica… Alla festa di Cosme e Damião non c´era Patrick e non c´era nemmeno sua madre, la sua ex madre. L´ultima volta che l´ho vista le ho chiesto come si sentiva e lei mi ha risposto: “Sollevata perché era diventato tutto troppo complicato. Ma sento che ho fallito”.

Ieri, al Terreiro, allo spirito di un bambino cieco di nome Solzinho, Piccolo Sole, ho chiesto di Patrick e lui mi ha risposto che ci sono verità che non conosceremo mai… A Patrick va il mio ricordo, stasera. Lo immagino in uno stanzone, sorridente con tanti scugnizzi come lui, come lui ignari di quanto la strada possa essere cattiva.

__

di Matteo Gennari: un professore di italiano nato a Milano e ora residente a Rio de Janeiro. Da poco ha pubblicato un nuovo romanzo ambientato proprio nella città olimpica, COME PERDERE L’ANIMA, acquistabile online dai principali negozi.

Dettagli prodottoCOME PERDERE L’ANIMA

Copertina flessibile EUR 9,99Prime

Formato Kindle EUR 4,99

Dettagli prodottoUN SUCCO NATURALE, GRAZIE

Copertina flessibile EUR 13,60Prime

Data di uscita: 31 luglio 2016.