Casa in affitto a prezzo spropositato, sul gruppo FB esplode la ‘rivolta’

Poco fa su un gruppo Facebook di italiani che vivono a Tenerife mi sono imbattuto in un annuncio che propone l’affitto di una casa a Valle San Lorenzo, ad un prezzo oggettivamente al di sopra del valore di mercato. L’utente che lo ha pubblicato è stato immediatamente preso di mira da numerosi commenti al vetriolo, che contestano anche con toni eloquenti la eccessiva richiesta economica. Di seguito pubblico le nagscreen, censurate per non ledere la privacy di nessuno.

(L’articolo prosegue dopo le immagini)

Attenzione agli annunci sui gruppi

Non è la prima volta che mi imbatto in annunci a prezzi gonfiati sui gruppi Facebook, e certamente non sarà l’ultima. I gruppi sono infatti frequentati da connazionali che hanno intenzione di trasferirsi o che si stanno trasferendo, terreno fertile per chi vuole affittare case. Anche a prezzo maggiorato, visto che si può pescare persone che non conoscono l’isola, non conoscono le zone migliori e quelle peggiori, quelle più care e quelle meno care, dunque è possibile approfittarne per chiedere cifre più alte, senza che questi se ne rendano conto.

Confrontate i prezzi sui siti

Se dovete affittare una casa, potete cercarla in autonomia su siti come milanuncios.es, fotocasa.es, idealista.es. Ci sono foto, descrizione e numero di telefono del proprietario o dell’agenzia che gestisce l’immobile. Potete chiamare e andare a vederla, per poi decidere se concludere o meno. Ma anche se decidete di affidarvi alle agenzie o cercare casa in altro modo, leggere gli annunci vi servirà a capire i prezzi degli affitti nelle varie zone dell’isola. Un minimo di conoscenza del mercato immobiliare – quella che si acquisisce dedicando semplicemente qualche ora – vi consentirà di essere in grado di valutare se una richiesta è in linea con i prezzi del mercato oppure è gonfiata.

Diario di Tenerife

Precedente Autobus: le differenze con il trasporto pubblico in Italia Successivo Blitz contro i venditori abusivi, scattano numerose espulsioni