Crea sito

Coronavirus, prezzo degli affitti e degli immobili in caduta libera

L’emergenza coronavirus, che nel giro di un paio di settimane ha letteralmente svuotato l’isola dai turisti, sta provocando un forte abbassamento dei prezzi degli affitti. E’ quanto abbiamo rilevato facendo una breve ricerca, incontrando delle proposte che fino ad un mese fa erano impensabili. Oltre al mercato degli affitti la situazione di crisi sta spingendo al ribasso anche il prezzo degli immobili, ed in misura maggiore la compravendita di attività commerciali. A prescindere da quanto potranno protrarsi le attuali misure di confinamento, fino a quando la Spagna e l’intera Europa saranno colpite dall’epidemia non sarà facile tornare alla normalità. Prima di vedere l’isola piena di turisti come un tempo potrebbero volerci molti mesi.

Canoni di affitto in caduta libera

Moltissime case che fino ad un paio di settimane fa venivano affittate ai turisti sono improvvisamente tornate nel mercato degli affitti di lungo periodo. E questo ha provocato un’immediato ribasso dei prezzi. Consultando i classici siti di annunci immobiliari abbiamo trovato una casa con una camera da letto a Las Americas a 550 euro al mese, mentre per una casa dotata di ben tre camere da letto a San Isidro vengono chiesti 500 euro. Richieste ridotte di almeno 200-250 euro rispetto a quelle che si trovavano un mese fa. Il crollo degli affitti non è tuttavia ancora generalizzato. Molti annunci richiedono ancora le cifre stellari del periodo precedente alla crisi, ma ora diventerà estremamente difficile affittarle a quei prezzi, anche perché non mancano proposte migliori.
Del fatto che il caro affitti fosse dovuto in gran parte al mercato degli affitti turistici – molto spesso illegali – ne avevamo parlato a gennaio con questo articolo, e trova conferma nell’immediata caduta dei prezzi degli affitti. Chi fino ad oggi guadagnava sui turisti si è ritrovato senza questa entrata economica, e pur di non tenere la casa vuota sono disposti ad affittarla, anche ad una tariffa sensibilmente più bassa.

Prezzo degli immobili in discesa

Abbiamo rilevato anche un trend di discesa delle richieste economiche per le case in vendita. Non c’è stato un “crollo”, ma numerose agenzie e proprietari hanno ritoccato al ribasso le richieste. In un momento di crisi e di incertezza come quello attuale è inoltre presumibile che alcuni proprietari di case saranno spinti a metterle in vendita per recuperare liquidità, e questo contribuirà a far scendere ulteriormente i prezzi.

Attività commerciali in vendita

Anche le richieste economiche per rilevare attività commerciali sono in discesa, in misura più pronunciata rispetto al prezzo degli immobili. La paralisi internazionale del turismo, che potrebbe protrarsi per diversi mesi, sta spingendo quanti già avevano messo in vendita delle attività commerciali rivolte al turista ad abbassare le pretese, per paura di non riuscire a vendere. E’ inoltre presumibile che le attività che già in precedenza non se la passavano bene potrebbero finire sul mercato. Sull’isola le attività commerciali che lavorano con i turisti sono moltissime, ad iniziare da bar e ristoranti.

Attenzione alla durata dei contratti

La riduzione dei prezzi sta attirando l’attenzione dei tanti inquilini che stanno pagando un canone di affitto elevato. In molti potrebbero valutare giustamente di cambiare casa, appena saranno rimossi gli attuali limiti alla circolazione. Il nostro consiglio è quello, eventualmente, di provare a chiedere una riduzione del canone al proprietario della casa dove state vivendo. In modo da risparmiarsi anche il disturbo di traslocare. Qualora non ci sia margine di trattativa per una riduzione – anche temporanea – dell’affitto, se valutate di cambiare casa cercate di tutelarvi con un contratto di una lunghezza congrua. Molti proprietari saranno infatti propensi ad offrire periodi brevi, con la speranza di tornare ad aumentare i prezzi quando la situazione si normalizzerà un po’.