Crea sito

Ryanair chiuderà le sue basi alle Canarie

La più famosa aerolinea low cost ha annunciato la chiusura delle sue basi in quattro aeroporti spagnoli, tre dei quali alle Canarie: Tenerife, Gran Canaria e Lanzarote, alle quali si somma la base di Girona. Tali misure comporteranno la perdita di 512 posti di lavoro, e se questo comporterà l’eliminazione dei voli da e per le isole, non mancheranno le conseguenze anche per i numerosi connazionali che vivono sull’isola e che viaggiano in Italia abitualmente con Ryanair.

Collegamenti isole – Italia duramente colpiti?

La compagnia low cost ha diversi collegamenti diretti tra l’Italia e le Isole Canarie che potrebbero verrebbero a mancare. Per quanto riguarda Tenerife, la Ryanair opera voli diretti da Pisa, Bologna, Treviso e Bergamo. Se l’aerolinea li taglierà, numerosi italiani saranno costretti a viaggiare tra l’Italia e l’isola con altre compagnie, facendo scalo in Spagna e con un’aggravio oltre che dei tempi, anche dei costi. Le ripercussioni si farebbero sentire per gli italiani residenti quanto per chi vuole visitare l’isola per turismo, e che a causa dell’aumento dei prezzi e della necessità di fare scali potrebbe guardare verso altre mete.

La “comodità” di Ryanair

Gli spazi sono ristretti, fanno storie per i bagagli e durante i voli della compagnia low cost è impossibile riposare, tra la vendita di panini alternata a quella dei “gratta e vinci” ed infine profumi e altro. Ma specialmente in bassa stagione, viaggiare con la Ryanair permette di risparmiare un bel po’ di soldi rispetto alle compagnie di bandiera. Ed in molti sono disposti a sacrificarsi qualche ora pur di raggiungere una destinazione. In alcuni periodi dell’anno con un centinaio di euro è possibile acquistare voli di andata e ritorno per l’Italia. Un prezzo accessibile che stimola gli italiani che vivono a Tenerife a tornare in patria più spesso. E anche concedersi una settimana di vacanza diventa assolutamente abbordabile.

Se Ryanair chiuderà le sue basi sarà un duro colpo per i collegamenti tra Italia ed isole. Nei prossimi giorni le istituzioni si riuniranno con la compagnia per cercare di scongiurare i tagli, ma non è detto che l’operazione vada a buon fine. Vi manterremo aggiornati sulla questione.