Tenerife: come comprare casa concludendo un buon affare!

Dopo aver dato spazio all’esperienza di un connazionale che da mesi sta cercando di comprare casa a Tenerife e si è imbattuto in venditori italiani che chiedevano 120mila euro in più per la stessa casa che un’agenzia locale vendeva a 110mila euro, cerchiamo di dare qualche buon consiglio – e sopratutto disinteressato – per comprare casa a Tenerife concludendo un buon affare, o almeno evitando di gettare via soldi. Si tratta di consigli che sono comunque validi anche nelle altre isole, e in parte ovunque.

Un mercato in forte crescita

Negli ultimi anni i prezzi sono notevolmente aumentati, sia per quanto concerne gli affitti che l’acquisto di case. Concludere un buon affare, ovvero trovare un appartamento in vendita ad un prezzo conveniente rispetto gli standard del mercato è diventato difficile, ed in giro ci sono molte trappole e case messe in vendita a prezzi esosi da proprietari che non hanno intenzione di vendere, ma che sono disposti a farlo se trovano qualcuno disposto a supervalutare l’immobile.

La richiesta immobiliare è molto alta, e questo ha fatto si che molti improvvisati si siano buttati nel settore immobiliare, dove è sufficiente vendere una casa al mese per ricavarsi un ottimo stipendio, se consideriamo che la provvigione per l’agenzia generalmente è del 5% del valore dell’immobile. Ma in alcuni casi vi assicuro che c’è persino chi chiede di più.

I “buoni affari” sono rari, anche perché se c’è un affare viene concluso ancora prima che l’annuncio sia pubblicato sui vari siti di annunci del settore. Per acquistare a prezzi convenienti è necessario trovare qualcuno che ha fretta di vendere, magari perché incalzato dai debiti, oppure – brutto da dirsi – quando c’è un lutto e chi eredita l’immobile vive all’estero e vuole monetizzarlo rapidamente. Per fare un buon acquisto è indispensabile non avere fretta, informarsi in lungo ed in largo e attendere una proposta decente.

Cercate la vendita diretta

Interloquire direttamente con il proprietario dell’immobile in vendita elimina il ricarico dell’agenzia, generalmente del 5%, e questo consente al venditore di abbassare ulteriormente il prezzo. Mettendo annunci sui siti del settore illustrando le caratteristiche della casa che desiderate comprare specificando che vi rivolgete solo a venditori privati (no agenzie) può essere un valido metodo per entrare in contatto con proposte interessanti, specialmente nel giro di qualche mese e se siete in grado di garantire, nel caso che l’immobile vi piaccia, una certa rapidità nel concludere l’operazione di acquisto. Se avete bisogno di un mutuo parlate con la banca in anticipo, in modo da rendere più snella la procedura nel momento in cui avete trovato la casa da comprare.

Se conoscete persone del posto, provate a chiedere loro qualche consiglio. Chi è nato in un luogo e lo conosce da sempre facilmente sa come muoversi e vi può dispensare validi suggerimenti, o indirizzarvi verso le agenzie immobiliari locali più rinomate e valide.

Le case di proprietà delle banche

Gli affari più convenienti si fanno rivolgendosi alle banche, che collocano sul mercato gli immobili pignorati. Tutte le banche hanno un dipartimento che cura le vendite immobili. Sul sito della Banca Santader si trova il link al sito altamirainmuebles.com, mentre la BBVA ha il programma BBVA Vivienda bbvavivienda.com. Alle Canarie è molto radicata la Banca Caixa, che è collegata a servihabitat.com. Questo sono solo alcune: informatevi anche presso altre banche, perché con un po’ di pazienza troverete sicuramente la casa che cercate ad un prezzo concorrenziale. Le banche sono “porti di mare”, nuove case vengono aggiunte frequentemente, ed i migliori affari durano poco, vengono conclusi rapidamente.

Salvate nei “preferiti” del vostro browser i siti sopra menzionati e gli altri delle banche e consultateli assiduamente, pronti a richiedere di visitare quella che vi piace. Anche i prezzi degli immobili delle banche possono essere trattati al ribasso, talvolta anche considerevolmente. Così come vengono abbassati nel giro di poche settimane o qualche mese se restano invendute.

Se vi rivolgete alle agenzie

Se decidete di rivolgervi alle immobiliari non fermatevi alle prime agenzie, bensì visitatene molte e valutate cosa vi offrono. Rivolgersi a diverse agenzie è un ottimo modo per poter confrontare le offerte e comprendere chi accampa richieste eccessive. Anche consultare gli annunci sui siti e paragonare le caratteristiche delle case ed i prezzi è utile per capire quando ci stanno chiedendo troppo.

Diario di Tenerife 

 

Leggi anche: Comprare casa a Tenerife? La testimonianza: “Meglio evitare i connazionali”

I commenti sono chiusi.