Crea sito

Gente di Dublino: Lugs Branigan (tutto nacque da un…mattone)

Do il via a questa nuova rubrica, “Gente di Dublino”, dedicata ai personaggi noti e meno noti che hanno fatto la storia di questa città, o che la stanno facendo, o che la faranno…
Non è detto che siano solo irish, anche se per la maggior parte probabilmente lo sono…
Intanto parto con un irlandese che è vissuto nel secolo scorso. Parlo di un famoso pugile e…poliziotto (ammazza che accoppiata!): James Christopher Branigan meglio conosciuto qui come Lugs Branigan.

Lugs, nato nel 1910 e morto nel 1986, è una icona molto apprezzata a Dublino, ed è rimasta nella memoria degli irlandesi che hanno vissuto la Dublino della seconda metà del novecento.

Oltre ad essere stato un famoso e apprezzato pugile (attività da cui si ritirò nel 1939), Lugs è diventato famoso per la sua durezza e la sua abilità nel combattere la criminalità dei quartieri più degradati di Dublino, e fu capo di un team di poliziotti diventato noto come “The Brano 5 team”, con cui cercava di imporre ordine e sicurezza nel decennio degli anni sessanta del secolo scorso.

Si ritirò in pensione nel 1973, e nello stesso anno la squadra scomparve. Molte storie a lui relative, parlano di una durezza ed eccessiva fermezza nel combattere il crimine, tuttavia, Branigan ha avuto parecchi ammiratori in città tanto che, ancora oggi, molti sentano la mancanza di una figura del genere, nonostante le controversie sulla sua immagine di poliziotto “tough”, duro. Tanto duro, addirittura (così mi è stato detto da qualche locale), che pare catturasse i piccoli delinquenti trascinandoli per le orecchie (lug significa drag, appunto, trascinare). Ma esiste un’altra versione della storia relativa al soprannome.
Lo stesso termine “Lugs” è un altro modo per dire “Orecchie” in slang, e alcuni dicono che il termine invece gli sarebbe stato attribuito a causa dei lunghi padiglioni auricolari di cui Branigan sarebbe stato dotato.

Ma non ne parlo solo per “parlarne”. L’idea di fare un post di questo tipo è nata in maniera del tutto casuale. E ora vi dico perché. Ieri ho letto di questa notizia apparsa, purtroppo, sui giornali e nelle news in internet: una donna è stata ferita da un mattone lanciato ovviamente da qualcuno ed entrato dal finestrino durante una corsa su un DublinBus nei pressi di Tallaght (quartiere della periferia sud ovest di Dublino). . .La polizia sta ancora indagando per trovare il colpevole. La donna sarebbe stata ricoverata in ospedale.

LEGGI ANCHE: STORIA D’IRLANDA, IL VIDEO DOCUMENTARIO DELLA BBC

Ho postato questa news sul mio profilo di fb, e una amica che vive a Dublino, Mary, *(a cui, peraltro, avevo dedicato un post in precedenza perché aveva partecipato a una famosa regata di dragonboats nei mesi scorsi), mi ha fatto presente che Dublino avrebbe bisogno di poliziotti del calibro di Lugs Branigan.  E la ho ringraziata, perché mi ha fatto conoscere qualcosa in più sulla storia di questa città.

La discussione è molto interessante e merita approfondimenti: dando ovviamente per scontato che tutti sono d’accordo che i colpevoli vengano processati e arrestati, molti vanno oltre e puntano il dito criticando il governo per la decisione di ridurre il budget per spese sulla  sicurezza , come è stato fatto di recente.

Ok..Ma ancora meglio, combattere la ignoranza e la violenza con la cultura, con la educazione. Con maggiori fondi per l’istruzione, soprattutto in un periodo in cui giri per la città e spesso vedi tanti ragazzi abbandonati a se stessi, che girano in gruppo e formano gangs di teens , o baby gangs…

Forse un Lugs Branigan sarebbe utile…anche se prima di tutto si avrebbe più bisogno di “genitori” non solo sulla carta, e  poi di insegnanti? il discorso diventa troppo complesso: fra poco esco e mi unisco a un meetup di fotografia. Oggi è arrivato il bel sole.

Informazioni
Libro in pdf su Lugs Branigan scaricabile online

Lugs Branigan su Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.