Le perle dell’Andalusia: L’Alhambra di Granada e la Mezquita di Cordoba

L’Andalusia è la regione più a sud della Spagna, una terra che nel corso del medioevo ha visto la dominazione di vari popoli che hanno lasciato dietro di sé numerose tracce soprattutto sotto forma di grandi complessi architettonici. Alcuni di questi siti sono resi ancora più interessanti proprio per il fatto che al loro interno convivono le opere e la cultura di quei popoli.
Due di questi capolavori sono l’Alhambra di Granada e la Mezquita di Cordoba.

Granada – L’Alhambra

Alhambra in arabo è “al-Ḥamrā'” (la Rossa, in arabo: الحمراء), dal momento che il suo nome intero era Qalʿat al-ḥamrāʾ (Cittadella rossa).
Si tratta di una vera città murata che occupa la maggior parte del colle della Sabika e che poteva funzionare in modo autonomo rispetto a Granada, al suo interno infatti vi erano tutti i servizi propri necessari agli abitanti che vi vivevano: moschee, scuole, botteghe e altro.
All’interno della cittadella troviamo splendidi giardini (come quelli del Generalife) e numerosi edifici. I principali sono: il Palacios nazaries e il Palazzo di Carlo V, due palazzi che mostrano chiaramente il susseguirsi delle dominazione araba prima e cristiana poi.

Alhambra
Pianta dell’Alhambra: 1 Puerta del la Granadas; 2 Torre de la Vela; 3 Alcazaba; 4 Palazzo Nazaries; 5 Palazzo di Carlo V; 6 Alcazar; 7 Giardini del Partial; 8 Generalife

Alhambra Alhambra Alhambra Alhambra

La visita

L’Alhambra viene costantemente visitata da un elevato numero di turisti, pertanto è opportuno (se non necessario) prenotare in anticipo la propria visita, acquistando per tempo il proprio biglietto di ingresso.
Per ulteriori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale.

Album Fotografico

Sul sito alhambradegranada.org trovate una mappa interattiva dell’Alhambra di Granada.

Cordoba – La Mezquita

Dove potete trovare una cattedrale all’interno di una moschea? A Cordoba naturalmente.
La moschea, la cui costruzione fu avviata nel corso dell’VIII secolo, occupava una superficie di oltre 23.000 mq. L’interno della moschea si presenta come una foresta di colonne; attualmente se ne conservano oltre 800 ma in origine erano più di 1000!
Nel XIII secolo Cordoba venne conquistata dai cristiani e la moschea fu trasformata in chiesa e consacrata all’Assunta. A partire da allora vi furono vari interventi che hanno portato a varie modifiche all’edificio. Il più importante di questi interventi fu la costruzione (a partire dal 1523) della chiesa rinascimentale il “crucero” che occupa il centro del complesso architettonico.

Mezquita Plan
Planimetria della Mezquita di Cordoba

 

Mezquita MezquitaMezquita  Mezquita

Se siete interessati ad un viaggio in Andalusia vi proponiamo il nostro itinerario.

Album Fotografico

sito ufficiale della Mezquita

3 Risposte a “Le perle dell’Andalusia: L’Alhambra di Granada e la Mezquita di Cordoba”

  1. Very well written article.. I am really impressed in your writing. I will surely bookmark this website for future use. Thank you..

I commenti sono chiusi.

Translate »