Natura ad arte: Arte Sella “the contemporary mountain”

Arte SellaIl parco naturalistico di Arte Sella

Oggi vi vogliamo raccontare di come coniugare una passeggiata nel silenzio di un bosco dolomitico con una particolare visita museale: una giornata immersi nella natura a contatto con l’arte.

Stiamo parlando del parco naturalistico di ”Arte Sella” nel comune di Borgo Valsugana (in provincia di Trento).

Immerso in una splendida foresta di abeti, circondato dalle montagne pre-Dolomitiche, il parco si presenta al visitatore come un museo a cielo aperto dove, su due percorsi distinti,  si ammirano le opere di artisti provenienti da tutto il mondo, perfettamente integrate nell’ambiente che le accoglie.

La montagna è stata fonte d’ispirazione per la loro creatività e inventiva e il risultato è una galleria d’arte fatta di opere costruite con i materiali che la natura mette a disposizione.

La visita

Come detto il parco è composto da due percorsi distinti: il percorso a pagamento di Malga Costa e il percorso libero di ArteNatura.Arte Sella Percorso ArteNatura

Il percorso di Malga Costa ha una durata di circa 45 min (dipende dal tempo che dedicate alle varie sculture presenti) su un sentiero circolare semplicissimo e ricco di sorprese.

Le opere (una trentina circa) sono costruite con i materiali della natura, sono di tutte le dimensioni e molto scenografiche.

Sono deperibili e quindi possono cambiare di anno in anno; la scelta delle nuove installazioni sono affidate all’associazione Arte Sella.

E’ qui che si trova la famosa cattedrale gotica vegetale, maestosa opera di G. Mauri.

Ma molte altre opere interessantissime portano il visitatore a trovare, a suo modo, il suo contatto con la natura attraverso la particolarità delle installazioni disseminate lungo la passeggiata.

Arte SellaIl percorso di ArteNatura è più lungo (sono circa 3 Km) e si snoda su un sentiero boscoso non impegnativo dove, camminando circondati da abeti e costeggiando piccoli ruscelli, si scoprono le installazioni semplicemente guardando o a destra o sinistra.

Anche qui tutte le opere sono di materiali naturali e spuntano spesso mimetizzate tra i colori e le forme che la natura dà al bosco.

Si lascia la macchina al primo parcheggio (numero 6) sulla statale 40 si entra nel bosco e, dopo una piacevolissima e non impegnativa camminata, si rispunta sulla statale 40. Si percorrono 2 Km sulla strada o sui prati che la costeggiano e si ritorna al parcheggio della partenza.  In tutto circa 2 ore (anche qui dipende dal tempo che dedicate alle varie opere).

Arte SellaDa segnalare, tra le opere, gli splendidi lupi e il biotopo (piccolo laghetto con alcune opere a caratterizzarlo ulteriormente).

Su questo percorso, a metà del tragitto, con una piccola deviazione di 15 minuti, si può visitare il sito storico di Zoparina (luoghi e manufatti della  Grande Guerra).

Accessibilità e ristoro

Il parco si può raggiungere uscendo dall’autostrada del Brennero (uscita Trento nord) e percorrendo per una ventina di minuti la statale 47 direzione Borgo Valsugana (dall’uscita di Trento sono circa 35 Km). L’ultimo tratto sulla statale 40, che sale tortuosa sul monte, vi porterà in 10 min all’ingresso del parco nella Val di Sella.

Ci sono diversi parcheggi, ben segnalati, dislocati nei pressi dei varchi di accesso  dei percorsi.

Nel parco sono presenti due punti ristoro: una bar ben fornito (all’ingresso della zona a pagamento) e un buon ristorante tipico trentino poco prima (Carlon).

Orari e Tariffe

Il parco è composto da due percorsi distinti: il percorso ArteNatura e il percorso di Malga Costa.

Il primo è gratuito e accessibile sempre, il secondo (3 Km più avanti) ha l’ingresso a pagamento e un orario di apertura: è aperto tutto l’anno (escluso il giorno di Natale) a partire dalle 10 fino alle 17 (in inverno), fino alle 18 (in primavera) e fino alle 19 (in estate).

L’ingresso al percorso Malga Costa è di 6 euro (adulti) e gratuito sotto i 10 anni. Ci sono poi diverse tariffe convenzionate o gratuite.

Con il biglietto di ingresso si hanno sconti sugli ingressi di altri musei quali il MART di Rovereto (TN) ed il MUSE di Trento.

Quando andare

Arte SellaLe stagioni migliori sono l’estate, l’autunno e l’inverno innevato. In ognuna delle tre stagioni la visita sarà sempre diversa perché le opere e l’ambiente circostante cambiano con il tempo e le temperature.

Noi l’abbiamo visitato il primo giorno dell’anno con una temperatura di circa -8: le opere immerse nella neve offrono uno spettacolo unico e suggestivo che consigliamo calorosamente!

Durante l’estate, e sporadicamente anche d’inverno per i più temerari, il parco è uno dei luoghi de “I Suoni delle Dolomiti”, la manifestazione musicale che coinvolge artisti internazionali con esibizioni e concerti “en plein air” su tutto l’arco dolomitico.

Per maggiori informazioni e dettagli sul Parco vi riportiamo il sito di Arte Sella.

Translate »