Come abbinare vini marchigiani a 3 menù di primavera

Come abbinare vini marchigiani a 3 menù di primavera è una piccola guida per abbinare i vini marchigiani (e non) ai cibi,  realizzata grazie all’apporto di Giovanni Elce Fabbretti e in collaborazione con Raffa di Ricette di Campagna.

come abbinare vini marchigiani a 3 menù di primavera - mappa Marche vini

In occasione di Tipicità 2015, la manifestazione dedicata alla scoperta delle nostre tradizioni e alla conoscenza delle ricchezze del territorio, ho partecipato con Raffa al MINICORSO “Scegli il tuo vino”

In passato, ho sempre scelto i vini lasciandomi guidare dall’etichetta o seguendo i consigli di amici e parenti. Amo molto “le bollicine” e per un periodo abbinavo i vini “frizzanti” un po’ a tutti i cibi. Con il passare del tempo ho imparato ad apprezzare i vini “fermi” passando dai Bianchi ai Rossi. Questa è stata l’occasione giusta per approfondire l’argomento. 

Nel corso dell’appuntamento sono state illustrate le caratteristiche di base del cibo e del vino che vanno valutate al fine di scegliere il vino giusto per il piatto scelto, sia esso al ristorante o a casa, ma anche per fare un regalo.

In poco più di un’ora, il delegato F.I.S.A.R. FEDERAZIONE ITALIANA  SOMMELIER ALBERGATORI RISTORATORI Giovanni Elce Fabbretti e la sommelier Mariella Dubbini ci hanno espcome abbinare vini marchigiani a 3 menù di primavera - saporiosto le caratteristiche organolettiche base del cibo e del vino. Bisogna conoscere i componenti del sapore del  cibo: se  è dolce, amaro, acido, piccante, speziato. Poi si devono identificare le caratteristiche  del vino come l’intensità olfattiva, la tannicità e l’acidità, la struttura per cercare il giusto equilibrio nell’abbinamento con il cibo che può essere per concordanza o per contrapposizione.

A mio parere l’approccio ad una conoscenza più approfondita delle sensazioni che si provano quando si assaporano cibo e vino  é di tipo “meditativo”.  Questo comporta una profonda apertura dei sensi e una consapevolezza completa, con una concentrazione sul sapore, sul profumo e sulla temperatura. 

Per mettere in pratica queste  nozioni basilari, dopo averci insegnato come conservare al meglio i vari tipi di vini a seconda dell’invecchiamento, e anche le temperature di servizio, ci hanno offerto una degustazione di formaggio Pecorino dei Monti Sibillini e di salame di Fabriano, in abbinamento ad un vino Verdicchio dei Castelli di Jesi e ad una Lacrima di Morro d’Alba. 

come abbinare vini marchigiani a 3 menù di primavera - degustazione

Da questa esperienza è nata l’idea di chiedere a Giovanni, delegato F.I.S.A.R.  di creare una affinità di profumi e sapori a tre nostri menù, abbinando alcuni  vini locali marchigiani

Raffa di ricette di Campagna ha composto tre menù primaverili: uno di carne, uno di pesce e uno vegetariano. Potete trovare i link alle ricette dei piatti pubblicati su Ricette di Campagna. 

Ecco i nostri menù con gli abbinamenti di vini di Giovanni Elce Fabbretti

MENU CARNE

Antipasto – Caramelle ripiene di pasta fillo

Vino Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Spumante Met. Martinotti

Primo – Le “Penciarelle” di Fabriano

Vino Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Superiore

Secondo – Coniglio in porchetta con patate

Vino Lacrima di Morro d’Alba DOC

Contorno – Gobbi alla parmigiana

le verdure non si abbinano al vino

Dolce – Crostata con marmellata

Vino Lacrima di Morro d’Alba DOC Passito 

MENU PESCE

Antipasto – Moscioli di Portonovo alla marinaraBombarelli in porchettaRaguse in porchetta

Vino Falerio dei Colli Ascolani DOC

Primo – Spaghetti con i moscioli

Vino Offida Pecorino DOCG

Secondo – Sardoncini a scottadito

Vino Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Superiore

Contorno – Insalata di puntarelle alla romana

le verdure non si abbinano al vino

Dolce – Cestini di ciliegie e gelato alla cannella con stevia

Il gelato non si abbina al vino, l’acqua va benissimo.

MENU VEGETARIANO

Antipasto – Carciofi crudi con olio e limone

Le verdure non si abbinano al vino, ancor meno con il limone

Primo – Lasagne carciofi e stracchino

Vino Bianchello del Metauro DOC

Secondo – Uova strapazzate con asparagi selvatici

Vino Offida Passerina DOCG

Contorno – Carciofi ripieni

le verdure non si abbinano al vino

Dolce – Mosaico di cheesecake con confettura di ciliegie e stevia di Raffa

Vino Vernaccia di Serrapetrona Spumante DOCG

Un altra tecnica di abbinamento è quella dei piatti e vini tradizionali della regione, spesso centrati perché più o meno consapevolmente, negli anni, la cucina locale si adatta ai vini locali, soprattutto in passato quando il commercio del vino era solo locale.

Grazie a Giovanni Elce Fabbretti.

Per chi desidera conoscere meglio il vino consigliamo di seguire i corsi organizzati dalla FISAR Castelli di Jesi.

Qui trovate i contatti.

INFO mail to:  corsi@fisarcastellidijesi.it
Social network: 
Facebook/FISAR Castelli di Jesi
Google+/FISAR Castelli di Jesi
Linkedin/FISAR Castelli di Jesi

A disposizione per eventuali chiarimenti.
Giovanni E. Fabbretti
Delegato
F.I.S.A.R. Castelli di Jesi
+39.347.6127235
jesi@fisar.com