Il lago di Paola a Sabaudia

A Sabaudia c’è un lago che è separato dal mare solo da una lunga striscia di dune ed è circondato da bosco fitto, macchia mediterranea ed affascinanti resti della Roma imperiale.

Le sponde del lago di Paola sono movimentate da 5 bracci che sono il ricordo antico di 5 fiumi e che meritano, uno per uno, una visita in canoa.

LAGO DI PAOLA

Il lago di Paola, anche conosciuto come lago di Sabaudia, è solo il primo (ed il più grande) di una serie di quattro laghi costieri del Parco Nazionale del Circeo, tutti salmastri ed a ridosso del mare. Ci sono il lago di Caprolace (perfetto per il birdwatching), il lago dei Monaci (piccolo e squadrato) ed il lago di Fogliano (già nel comune di Latina).

Le rive del lago di Paola sono abitate sin dalla Preistoria. I Neanderthaliani, ed i Sapiens poi, avevano creato qui una sede dell’industria litica e, ancora oggi, con un po’ di fortuna, si possono trovare selci ed altre pietre lavorate.

I Romani nel I sec. vi costruirono ville sontuose e stabilimenti termali. La più importante fu la villa dell’Imperatore Tito Flavio Domiziano, enorme e con un porto sul lago poco distante dal Porto Canale di Paola.

 

#darsenadipaola #parconazionaledelcirceo #lagodipaola #lagodisabaudia #igerslatina

Una foto pubblicata da Sara argentesi (@saraargentesi) in data:

 

Degli antichi fasti rimangono i resti della Villa di Domiziano (visitabile su prenotazione) e quelli dei Casarini, un complesso termale divenuto poi convento nel Medioevo.

Waterlife (alla Darsena di Paola) affitta le canoe per esplorare il lago pagaiando, a volte anche in notturna in occasione di fenomeni astrologici particolari ed altri eventi. Sulla loro fanpage trovate tutte le info.

Il Santuario della Sorresca, poco lontano dal centro abitato di Sabaudia, è una minuscola chiesetta sul lago che custodisce una Madonna Nera con una leggenda affascinante (qui trovate tutte le info per visitare la Sorresca e conoscere la sua storia).

Il lago è frequentato da gabbiani, cormorani, anatre e aironi cenerini. In rare occasioni si vedono anche cicogne e fenicotteri rosa.

COME RAGGIUNGERE IL LAGO DI PAOLA

Il lago di Paola di trova ad un centinaio di km da Roma. Si raggiunge percorrendo la via Pontina per poi uscire sulla via Litoranea all’altezza di Sabaudia.

A Sabaudia è solcato da un ponte che collega la città al mare. È il Ponte Giovanni XXIII. Prima della sua costruzione, fino agli anni 60, c’era un barcone che portava i bagnanti in spiaggia oltre il lago.

Per accedere al lago ci sono diverse alternative, ma non così tante come ci si aspetterebbe da un lago di un parco nazionale.

  • Dalla zona di Selva Piana-Baia d’Argento ci sono due accessi al lago: uno all’altezza dei Casarini ed uno alla Baia d’Argento dove si percorre una via residenziale che si trasforma in un sentiero e sbuca poi sul lago nella zona di Creta Rossa.
  • Dalla Darsena di Paola si può esplorare il lago in canoa oppure rilassarsi sulle sue sponde sulla spiaggetta del ristorante Ponte Rosso.
  • A  Sabaudia, all’inizio del ponte, c’è un belvedere sul lago con una piccola palafitta di legno. E’ un accesso comodo per chi preferisce un approccio poco avventuroso. Si trova qui.
  • Il Santuario della Sorresca è aperto solo prima e dopo la messa e tutti i giorni nel pomeriggio.
  • Dalla villa di Domiziano si arriva al lago ma si può visitare solo prenotando la visita guidata (info a sar-laz.circeo@beniculturali.it).
  • Dal bosco della selva del Circeo si arriva al lago con una bella passeggiata a piedi oppure in MTB. Si parcheggia al Centro visitatori del Parco Nazionale del Circeo e si seguono le indicazioni per il lago (qui trovate altri percorsi da fare in MTB nel Parco Nazionale del Circeo).

#lagodipaola #circeo #sanfelicecirceo #sabaudia #parconazionaledelcirceo

Una foto pubblicata da Sara argentesi (@saraargentesi) in data:

#lagodipaola #darsena #ponterosso #sanfelicecirceo #sabaudia #darsenadipaola

Una foto pubblicata da Sara argentesi (@saraargentesi) in data:

 

Clicca QUI per seguire Cose che ti faranno amare il Circeo su Facebook

Precedente Cosa fare al Circeo quando piove Successivo Spiagge libere a Sabaudia

Lascia un commento

*