1821: Impero ottomano e indipendenza greca

1821

(articolo scritto per Il Giornale dell’Arte, pubblicato sul numero di maggio 2021 col titolo “Un anno rivoluzionario” – il 1821, per l’appunto)

I passeggeri che sbarcano all’aeroporto di Atene – molto pochi, a causa del covid – trovano un piccolo padiglione in cui è esposta una copia di una veduta ottocentesca della capitale, in cui sono proiettate immagini di siti storici o raffigurazioni della guerra d’indipendenza iniziata nel 1821.

A marzo di quest’anno ne ricorre per l’appunto il bicentenario: e i musei ateniesi onorano la ricorrenza attraverso mostre d’impostazione storica, con appendici in altre località e persino in Italia. Tutte queste mostre sono però prigioniere della pandemia: visitabili in principio solo online, dal pubblico quando i rischi di contagio caleranno sensibilmente.

LEGGI ANCHE: 1821, filellenismo antiquario e indipendenza greca

La mostra più importante è quella del Benaki: “1821. Prima e dopo”, in programma fino a ottobre. È organizzata in collaborazione con la Banca di Grecia e altri due istituti bancari che hanno messo a disposizione le loro collezioni e i loro archivi. Si estende sui due poli espositivi del museo per complessivi 3.500 metri quadrati, si snoda su tre sezioni cronologiche dal 1770 al 1870: la prima insurrezione istigata dai russi nel Peloponneso e a Creta, la rivoluzione vera e propria fino alla prima presidenza di Giovanni Capodistria, il primo re Ottone di Baviera e la nascita della Grecia moderna.

In mostra, oltre 1.200 oggetti tra quadri, sculture, documenti, cimeli appartenenti ai rivoluzionari (con prestiti da museali greci, oltre che francesi e britannici). Tra le opere più rappresentative: una mappa della fine del XVIII secolo con didascalie in italiano, “La fuga dei Greci da Parga” di Carlo Belgioioso, “Il giuramento di Lord Bayron a Missolunghi” di Ludovico Lipparini, una copia di inizio novecento dell’ “Ingresso di re Ottone ad Atene” di Peter von Hess, pittore arrivato in Grecia al seguito del sovrano. L’arte come riproduzione trionfale della storia in divenire.

LEGGI ANCHE: La Galleria Nazionale di Atene riapre per il 1821

Al Museo storico nazionale, che ha sede nel vecchio Parlamento, l’approccio di “Rivoluzione ’21 rivisitata” è identico, cioè cronologico. Gli elementi distintivi e più accattivanti sono la presenza di ritratti e armi degli eroi della guerra d’indipendenza, polene di navi storiche, una sezione specifica sulle battaglie navali, una sezione fluttuante che in estate porterà una piccola selezione della mostra in varie isole. Al Museo della città di Atene, ospitata nella prima residenza di Ottone e di sua moglie Amalia, verranno invece allestite invece piccole mostre tematiche tra le quali la più interessante riguarda le eroine greche della rivoluzione, rappresentate in quadri o dai loro oggetti personali.

A Napoli ci sarà infine una mostra di documenti all’Archivio di Stato curata dal professor Jannis Korinthios, in simultanea con analoghe iniziative ad Atene e Nicosia: “Napoli e Risorgimento greco” ha come punto di forza la corrispondenza dei diplomatici borbonici sparsi nel Mediterraneo, che contiene informazioni e analisi sugli eventi militari e gli sviluppi politici. Ulteriore particolarità: gli ambienti dell’archivio affrescati a inizio ‘800 proprio da un pittore greco, Velisarios Korensios.

Per contattarmi:
giuse.mancini@gmail.com
https://www.facebook.com/IstanbulEuropa
https://twitter.com/IstanbulEuropa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.