Crea sito

A tutto Bulghur!

AVVISO: questo post è ormai datato, è stato scritto da una persona che si occupava del blog in precedenza; chi lo gestisce oggi non ne condivide l’impostazione. Per contattarmi: giuse.mancini@gmail.com

Avete mai assaggiato il Bulghur? No? Beh, allora è tempo di rimediare! E di scoprire uno dei piatti tipici della cucina mediterranea e mediorientale: una fusion amatissima qui in Turchia.

A Istanbul viene spesso servito al posto del riso in insalate, pilaf, piatti di carne e salse a base di yoghurt; la sua versatilità lo rende adatto a innumerevoli ricette, ed è così facile da cucinare! Anzitutto, per quelli di voi che non l’avevano mai sentito nominare, vediamo un po’ di che cosa si tratta.

Il Bulghur (chiamato anche Bulgur o Boulghur, o con una miriade di altri nomi simili!) è essenzialmente grano germogliato – cotto al vapore e seccato, pronto per essere cucinato, e ricco di fibre e vitamina B, fosforo e potassio… un po’ come le banane! E’ gustosissimo e sazia subito, il che lo rende adattissimo per le diete, e la cucina easy and speedy!

LEGGI ANCHE: Il cibo di Istanbul

Cucinarlo è davvero semplice: basta mettere su un po’ d’acqua, salarla e a pieno bollore buttare il Bulghur, aggiungere una goccia d’olio e lasciarlo rinvenire a fuoco lento, fino a completo assorbimento. Il rapporto deve essere, più o meno, una tazza di Bulhgur = due tazze d’acqua, e voilà! Il gioco è fatto. Si possono anche preparare delle gustose minestre: basta aggiungere il doppio dell’acqua e tagliare le verdure a cubetti, mettendo tutto a cucere insieme! Le insalate sono altrettanto facili da cucinare, e sono perfette per l’estate.

Questi metodi un po’ spartani  – del tipo “butta tutto nello stesso calderone” – sono efficacissimi, e tutti rigorosamente sperimentati da me: sto diventando una vera e propria esperta del Bulghur! Lo trovo mille volte più buono del cous cous e in competizione con il riso, soprattutto nelle insalate fredde. Una delle mie preferite: pomodorini, ceci e paté di olive!  Per chi di voi si volesse cimentare a cucinarlo, lascio una semplice ricetta. In Italia troverete il Bulghur nei negozi Bio e di cucina macrobiotica, e anche alla Coop. Se voleste assaggiare l’originale, invece, avrete una scusa in più per venire a Istanbul!

Ricettina: Insalata di Bulghur con pomodorini, ceci e paté di olive nere al profumo di mentuccia (slurp)

Ingredienti: 1 tazza di Bulghur, 2/3 tazze d’acqua, 1 cucchiaino di olio d’oliva extravergine, 5 pomodorini, 1 tazzina da caffè di ceci in scatola , 1 cucchiaio di paté di olive nere, 1 cucchiaio di yoghurt bianco naturale, qualche goccia di limone, qualche folgiolina di mentuccia per guarnire, sale e pepe qb.

Il procedimento è semplicissimo: portate a bollore l’acqua, salatela e versateci il Bulghur tutto in una volta; lasciate bollire forte per dieci minuti, poi abbassate la fiamma, aggiungete un cucchiaino d’olio e una spolverata di pepe, e lasciate che assorba bene tutta l’acqua. Deve aumentare di volume e rimanere leggermente croccante: nel caso in cui fosse ancora troppo duro, aggiungere un altro po’ d’acqua, e lasciate assorbire a fuoco lentissimo, girando con un cucchiaio di legno. Quando il Bulghur sarà pronto, lasciatelo raffreddare un po’: l’olio eviterà che si attacchi.

Prendete i pomodorini, tagliate ciascuno in quattro parti, date un giro d’olio, e buttateli sul Bulghur; aggiungete ora i ceci, sempre nella stessa pentola, poi il paté di olive. Rigirate tutto con delicatezza. Spolverate di sale e pepe, aggiungete il limone, un filo d’olio a crudo, decorate con folglioline di mentuccia e una bella pallina di yoghurt in cima. Gnam!

Buon appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.