Tutte le foto dell’Arcadia Ottomana

In questi giorni – fino a domani – sono impegnato a seguire un’interessantissima conferenza sulla fotografia in epoca ottomana: che mi serve anche come approfondimento e preparazione all’articolo sulla mostra Ottoman Arcadia, in corso al Centro di ricerche sulle civiltà anatoliche dell’università Koç (a Beyoğlu), che scriverò nei prossimi giorni dopo aver intervistato i curatori.

LEGGI ANCHE: Le mostre a Istanbul, Camera ottomana

Ho rivisto ieri la mostra, vi mostro in quasi anteprima alcune immagini; come vedete, la qualità dell’allestimento è eccellente (ma è il loro standard, dopotutto). Riguardo i contenuti, vi anticipo il tema generale: quello di una spedizione fotografica inviata dal sultano Abdülhamid a testimoniare e documentare le origini tribali della dinastia in Anatolia (e a Bursa, prima capitale degli ottomani), soffermandosi sia sui luoghi – Bilecik, Söğüt con la tomba del capostipite Ertuğrul – sia sulle popolazioni del luogo.

LEGGI ANCHE: La foto del sultano Abdülhamid

L’aspetto davvero affascinante è che da quella documentazione vennero poi ricavati 3 album fotografici inviati in dono al cancelliere Bismarck: in una fase storica di avvicinamento politico ed economico tra i due imperi (con gli ottomani che aspiravano inoltre a finanziamenti tedeschi per progetti ferroviari proprio nelle aree della spedizione). Li ho immortalati anche io, nella teca che li protegge.

Nel 2017 sono stati comprati all’asta da Ömer Koç – della dinastia di industriali e mecenati – per la sua collezione, come spesso accade sono stati messi a disposizione degli studiosi per trasformarli in mostra. Davvero da non perdere, per chi è a Istanbul; l’ingresso è gratuito, è in programma fino al 30 settembre 2018: e sulla pagina dell’Anamed trovate tutte le informazioni necessarie per localizzarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.