Quel che resta del palazzo bizantino del Boukoleon

Alcuni giorni fa la Municipalità di Istanbul (IBB) ha inviato noi giornalisti un comunicato col quale si annuncia un grande progetto di restauro e musealizzazione del Boukoleon, il palazzo imperiale bizantino in riva al mare di Marmara.

Prima che partano i lavori – chissà quando – ho pensato di andare a documentare il pessimo stato di conservazione in cui si trova oggi. Risale al V secolo in epoca teodosiana, il nome probabilmente deriva da sculture di tori e leoni – o almeno di un toro e di un leone – che ne decoravano l’ingresso, nelle adiacenze di un porto (il leone è nel museo di archeologia).

LEGGI ANCHE: Istanbul romana, le ricostruzioni digitali di Byzantium 1200

Purtroppo è stato in parte demolito, a fine ‘800, per far posto alla linea ferroviaria: uno scempio vergognoso! E come vedete, sulle rovine c’è chi ha costruito delle abitazioni; mentre la recinzione che dovrebbe impedire l’accesso è stata in parte smantellata e c’è chi si è creato l’angolo relax con poltrone.

Spero che gli abusivi di ogni tipo vengano fatti sloggiare: il patrimonio storico per me ha sempre la priorità rispetto alle esigenze dei singoli. Poi in un post successivo vi parlerò del progetto di restauro e musealizzazione – ma c’è innanzitutto proprio da ripulire da abusivi, sporcizia e vegetazione, eh… – con tanto di rendering.

LEGGI ANCHE: Le meravigliose acque di Istanbul

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.