Crea sito

Tè Çaykur, Ayasofya e propaganda nera

Çaykur

Mi hanno segnalato un articolo particolarmente sgangherato – ancor più del solito, addirittura – sulla Turchia: una sorta di collage in cui sono stati incollati, uno dietro l’altro, dei fatti senza alcun rapporto l’uno con l’altro. Ovviamente, sempre in chiave negativa: e davvero non si capisce cosa abbia a che vedere tutto ciò con il giornalismo.

Ah, come ho spiegato nel post “Nuove regole per il blog (Turchia e giornalismo)“, sul blog non farò più nomi: né dell’autore dello scempio, né della testata che lo ha pubblicato. Voglio evitare che qualcuno scambi per “minacce” delle semplici e innocue critiche; è già successo, purtroppo.

LEGGI ANCHE: Nuove regole per il blog (Turchia e giornalismo)

Comunque, tra i vari fatti che vengono strumentalizzati per mettere la Turchia in cattiva luce – attività non solo frequente, ma sistematica – il primo e più eclatante, quello che dà il titolo e l’orientamento generale al pezzo, è la messa in commercio di un tè chiamato “Ayasofya” (nell’articolo, persino il nome è sbagliato: e ciò nonostante la foto utilizzata sia quella giusta).

Quindi? Beh, l’idea è di far credere agli sventurati lettori che si tratta di un disegno diabolico: Erdoğan prima ha trasformato la chiesa di Istanbul – patrimonio dell’Unesco – in moschea, poi l’ha “declassata a prodotto commerciale”.

LEGGI ANCHE: Ayasofya è di nuovo una moschea

Innanzitutto, come ho spiegato infinite volte: la chiesa di Hagia Sophia è stata trasformata in moschea dal Sultano Mehmed II nel 1453, non dal presidente Erdoğan nel 2020! L’anno scorso, dopo una parentesi come “museo”, l’edificio è stato semplicemente ripristinato al culto islamico. Dico: ma con che coraggio e con che professionalità si possono scrivere – e poi pubblicare – inesattezze simili?

Inoltre: ma cosa vuol dire che Ayasofya – si chiama così dal 1453, eh – è stata “declassata a prodotto commerciale”? Se la sono venduta, forse? No, davvero: ma che razza di ragionamento è mai questo? La moschea di Ayasofya è il monumento più noto di Istanbul (o almeno tra i più noti): e dà il suo nome a hotel, a ristoranti, a chissà cos’altro.

LEGGI ANCHE: Çayla, la risposta turca a Starbucks

Poi, sì: il tè viene commercializzato da un’azienda statale, la Çaykur. Anche in questo caso: e quindi? Nei fatti, che possono essere ricostruiti in 5 minuti con una semplice ricerca su google, il tè in questione si chiama più esattamente “Istanbul Ayasofya”: appartiene infatti a una serie di edizioni speciali che l’azienda – di Rize sul mar Nero, la capitale turca del tè – ha voluto dedicare alle città in cui apre di volta in volta delle sue rivendite. In passato, la Çaykur aveva proposto dei locali per bere tè – sul modello Starbucks – ma non credo abbiano avuto successo.

Comunque, tornando ai fatti: l’ultima rivendita di çay (il tè turco) della Çaykur è stato inaugurata a Istanbul, da qui l’edizione speciale “Istanbul Ayasofya”. Nessun complotto, nessun oltraggio. Dico: era davvero necessario scrivere addirittura un articolo – e poi pubblicarlo – su questo fatto del tutto insignificante? Era davvero necessario impegnarsi per far credere chissà cosa a chi legge? Vabbè!

LEGGI ANCHE: Le bevande di Istanbul, il çay (tè turco)

Per contattarmi:
giuse.mancini@gmail.com
https://www.facebook.com/IstanbulEuropa
https://twitter.com/IstanbulEuropa

Çaykur

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.