La nuova chiesa di San Giorgio a Istanbul

Questa è una delle notizie – insieme a molte altre, sullo stesso tema – che non avrà mai risalto sulla stampa italiana: e questo solo perché non corrisponde allo schemino pre-confezionato della Turchia nuovamente “islamizzata” e di conseguenza ostile nei confronti delle minoranze religiose. Un’interpretazione che stravolge sia gli eventi contemporanei, sia secoli di storia.

LEGGI ANCHE: Le moschee di Istanbul, Mihrimah Sultan

Quale migliore esempio – ma ne ho fatti già molti, nei miei articoli e sul blog – del restauro della chiesa greco-ortodossa di San Giorgio? Si trova a Edirnekapı, la porta delle mura romane da cui Maometto “il Conquistatore” entrò a Costantinopoli, proprio davanti alla celebre moschea di Mihrimah Sultan. Chi sperimenta il mio itinerario sulle colline di Istanbul lo vede coi propri occhi: i due luoghi di culto – cristiano, islamico – sono a pochi metri di distanza, lì da secoli.

LEGGI ANCHE: La chiesa del primo giorno del mese di Istanbul

La notizia è che Hagios Georgios/Aya Yorgi è stata riapertura solennemente al culto ieri – con una celebrazione guidata dal patriarca Bartolomeo – dopo alcuni anni di restauri: restauri pagati dal governo turco. Il vecchio seminario funzionerà adesso come scuola di musica sacra gestita direttamente dalla comunità greco-ortodossa. Spero di aver presto l’occasione di andarla a visitare.

LEGGI ANCHE: La (nuova) grande sinagoga di Edirne

Precedente La Turchia turistica di Tim Landis Successivo Turkey Home, la Turchia sui social networks

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.